Abbazia di San Tommaso in Foglia

Una chiesa che di abbazia ha conservato soltanto il nome, quasi che il venir meno del titolo potesse recare offesa alla costruzione stessa e alla sua grande storia. Siamo a Montelabbate, alla scoperta di un luogo oggi poco noto, ma un tempo meta di papi e imperatori: è l’ Abbazia di San Tommaso in Foglia.

Uno sguardo sull' Abbazia di San Tommaso in Foglia

Uno sguardo sull’ Abbazia di San Tommaso in Foglia

Come l’ Abbazia di San Tommaso in Foglia si presenta agli occhi del visitatore

E’ praticamente impossibile per gli automobilisti che transitano per la montelabbatese, via che collega Pesaro a Urbino, gettare un’occhiata al volo sull’abbazia. Seppure la strada lambisca ciò che resta dell’antico complesso monastico, esso rimane infatti nascosto da alti alberi e da un ciuffo di abitazioni che tolgono allo sguardo ogni spiraglio. L’unica soluzione per godere di questa meraviglia inserita nella bassa valle del Foglia è allora quella di fermarsi e prendersi dieci minuti. Garantito, il gioco vale la candela.

Avvicinandosi alle forme severe dell’ Abbazia di San Tommaso in Foglia la sorpresa è grande: se ne percepisce immediatamente l’antica importanza, quell’importanza oggi venuta a mancare.

La porta d'ingresso sovrastata da una bifora

La porta d’ingresso sovrastata da una bifora

 

Gli svariati rimaneggiamenti subiti dall’edificio nel corso della storia ne rendono difficoltosa la descrizione. Di primo acchito l’architettura sembrerebbe tardo-romanica, tipica del XIII° secolo, ma i libri ci avvisano che la struttura che abbiamo davanti è molto più anziana. I testi raccontano inoltre che questa, un tempo, doveva certo essere collegata sulla destra ad alcuni edifici, a loro volta circondati da una cortina muraria. Si pensa che fosse presente, ad ulteriore difesa, un complesso sistema idraulico atto ad allagare la zona a mo’ di fossato in caso di necessità.

Sulla facciata a capanna si apre una porta in pietra bianca tanto grande quanto semplice. Una lunetta cieca viene compresa tra l’arco a tutto sesto e l’architrave, elementi questi privi di decorazioni al pari degli stipiti. Poco più su dell’ingresso si apre una solitaria bifora.

Un’entrata simile, ma molto più piccola, è presente sul lato sinistro della chiesa. Sopra di essa però non vi è una finestra, piuttosto una croce greca scolpita che ha tutta l’aria di un qualcosa di esoterico.

Le mura sono realizzate con piccoli conci di pietra incastrati alla perfezione l’uno sull’altro e tagliati con la perizia tipica dei monaci che popolavano queste valli attorno all’anno mille. A dire della pazienza ci pensano i tratteggi minuziosamente scolpiti su diverse pietre, segni illeggibili per noi contemporanei ma che probabilmente avevano un significato ben preciso agli occhi dei religiosi d’allora.

L’interno della chiesa

Sono tre le navate che compongono questo luogo sacro ed è quella centrale ad ospitare l’abside semicircolare. Il colonnato di destra è quello originario (e l’occhio non può certo mancare di cogliere i preziosi capitelli altomedievali), mentre a sinistra ci sono dei pilastri realizzati – si può dire alla meno peggio – per far fronte ai danni provocati dal tremendo terremoto del 1781.

Nella navata di sinistra viene conservata una gran quantità di reperti risalenti alle età romana e medievale rinvenuti durante i numerosi lavori che San Tommaso in Foglia ha visto susseguirsi negli anni o tornati alla luce nelle immediate vicinanze dopo secoli di oblio.

Benché il luogo sacro sia stato visibilmente ridotto, accorciato, l’appellativo che gli si può attribuire è uno solamente: grandioso.

Interno dell' Abbazia di San Tommaso in Foglia

Interno dell’ Abbazia di San Tommaso in Foglia

Abbazia di San Tommaso in Foglia, un pochino di storia.

L’area attorno alla chiesa, come dimostrano i rinvenimenti di cui abbiamo già detto, ha visto scorrere la vita fin dagli albori della storia. E se è vero che un antico documento data la fondazione di San Tommaso in Foglia negli ultimi anni del X° secolo, è utile notare come molti studiosi siano inclini a mettere sulle spalle del luogo di culto parecchie primavere in più, a vedere in detta data un rilancio della struttura piuttosto che la nascita della stessa.

Svariati sono gli elementi che danno valore a questa ipotesi. Già nel ‘700 Giovan Battista Passeri aveva visitato la chiesa – allora poteva vantare un minor numero di mutilazioni – ed era rimasto stupito dalla differenza tra lo stile delle absidi (al tempo erano tre) e quello del restante edificio, domandandosi se per caso queste fossero state riattate a partire da nicchioni di un preesistente tempio pagano. Non solo, per riempire le mura era stato palesemente riutilizzato del materiale più antico, venne addirittura estratto un altare dedicato al dio Silvano.

Vi è poi un capitello molto particolare. Un capitello che presenta su tre lati alcuni volti umani, il cui metodo di realizzazione è tipico della prima età carolingia… ma la parte più interessante sta nel quarto lato, quello che avrebbe dovuto essere murato: qui sono scolpite foglie d’acanto come nel più tradizionale stile corinzio. Sì, ancora loro, i romani.

Un monastero che fu meta di papi e imperatori

L’osservatore attento non mancherà di notare, incastonata nella facciata della chiesa, una formella con un volto impresso: è il volto di Papa Clemente II.

Abbazia di San Tommaso in Foglia - Formella raffigurante Clemente II

Abbazia di San Tommaso in Foglia – Formella raffigurante Clemente II

Ma chi era costui? Clemente II era un tedesco che prima di salire al soglio pontificio esercitava la funzione di vescovo in quel di Bamberga. Uomo già anziano e in odore di santità, venne eletto Papa la vigilia del Natale 1046, e il giorno seguente incoronò l’Imperatore Enrico III.

Di ritorno da un viaggio in Germania, stanco del lungo vagare, decise di fermarsi nell’allora celebre Abbazia di San Tommaso in Foglia per raccogliere energie a sufficienza prima di rimettersi in cammino verso Roma. Ma anziché riprendere vigore, il corpo esausto di Clemente II finì preda della malaria. Il Pontefice cedette alla malattia il 9 ottobre 1047, non prima però di concedere ai monaci che circondavano il suo letto di morte una enorme quantità di terre. Terre che i religiosi seppero sfruttare al meglio, rendendo se possibile l’abbazia ancor più potente.

Prima di raggiungere l’amata terra natia, i resti di Clemente riposarono per ben due anni presso San Tommaso in Foglia. In questo lasso di tempo furono tantissimi i pellegrini accorsi a visitare il Papa defunto e numerosi i miracoli attribuiti al morto, tanto che la fama dell’abbazia si spanse per tutta Europa. Una fama che non accennava a diminuire, se è vero che quasi un secolo dopo un altro tedesco, nientemeno che l’Imperatore Lotario II il Sassone, venne a visitare il luogo di culto con il fine di sciogliere un voto.

In breve l’abbazia divenne così ricca da potersi permettere la costruzione di un castello nelle immediate vicinanze. Il castello di Montelabbate, appunto, inizialmente edificato per dare rifugio alle genti di un vicino abitato franato a valle. Il complesso fu costruito così bene, in un luogo così florido e facilmente difendibile, che con l’arrivo del turbolento tardo-medioevo divenne pedina fondamentale per il controllo del territorio.

Per il tiro mancino di quel destino un po’ burlone e un po’ crudele, più rapidamente il castello accresceva la sua importanza, tanto più velocemente l’antico monastero di San Tommaso in Foglia si avviava alla decadenza.

E’ vero, anche di questi tempi l’abbazia è una gioia per gli occhi, ma una gioia venata di tristezza per coloro che ne conoscono i fasti passati.

BIBLIOGRAFIA

  • L. MICHELINI TOCCI – Castelli pesaresi sulla riva destra del Foglia – Cassa di risparmio di Pesaro, 1973
  • C. ORTOLANI – Pian del Bruscolo – Banca dell’Adriatico, 2008
  • D. SACCO – La provincia dei Centoborghi – Metauro, 2006

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

CONTENUTI ilfederico.com non è una testata giornalistica dal momento che gli aggiornamenti non seguono alcuna cadenza fissa. Pertanto, ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001, non può in alcun modo considerarsi un prodotto editoriale. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti dei singoli articoli. I responsabili di ilfederico.com, secondo il loro insindacabile giudizio, si riservano il diritto di eliminare tutti quegli interventi apportati dagli utenti ritenuti offensivi, razzisti o non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Le informazioni contenute in questo blog potrebbero contenere inesattezze, ancorché commesse senza intenzionalità. Gli autori del sito non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo. TRATTAMENTO DATI PERSONALI Ai sensi del Dlgs. 196/2003, recante “Codice in materia di protezione dei dati personali”, il trattamento dei dati personali sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della riservatezza e dei diritti. Ai sensi dell’articolo 13 del predetto Decreto, informiamo che: a) Il trattamento dei dati viene effettuato nel rispetto dei limiti e delle condizioni previste dalla legge, con le seguenti modalità: strumenti automatizzati, inclusi quelli elettronici e telematici. b) Il conferimento dei dati ha natura facoltativa. c) La mancata disponibilità totale o parziale dei dati può comportare l’impossibilità a perseguire la predetta finalità. d) Soggetti e categorie di soggetti ai quali i dati potranno essere comunicati e ambito di diffusione dei dati. I dati di cui sopra, nel rispetto delle finalità sopra indicate, verranno comunicati ai soggetti di seguito indicati: soggetti pubblici e privati per gli adempimenti previsti da ogni norma di legge o da disposizioni contrattuali. I dati non sono oggetto di diffusione. In ogni momento potrai esercitare i tuoi diritti nei confronti dei titolari del trattamento, ai sensi dell’articolo 8 D.Lgs. 196/2003. Restano salvi i diritti di cui all’articolo 7 del Dlgs. 196/2003. e) Titolarità del trattamento e richiesta informazioni ◾I Titolari del trattamento sono Gaetano Tripolone – Via Calzoppo 22/a 61026 Piandimeleto PU tel 0722 710007 – e Marco Toccacieli – Viale Trento 269, 61121 Pesaro f) Responsabili del trattamento ◾I Titolari del trattamento sono Gaetano Tripolone – Via Calzoppo 22/a 61026 Piandimeleto PU tel 0722 710007 – e Marco Toccacieli – Viale Trento 269, 61121 Pesaro INFORMATIVA E GESTIONE DEI COOKIES Cosa sono i cookies? I cookies sono files di testo che i siti visitati dall’utente inviano al terminale dello stesso– computer, smartphone e così via – dove vengono archiviati e poi ritrasmessi agli stessi siti in occasione della successiva visita del medesimo utente. Navigando su ilfederico.com, potrai ricevere solo cookies inviati direttamente dal nostro sito. A – Cookies utilizzati dal presente sito web I cookies vengono utilizzati con strumenti elettronici e ogni tipologia ha una sua funzione specifica. I cookies tecnici vengono utilizzati senza necessità di consenso da parte dell’utente, ma possono essere disabilitati (vedi in seguito). In ogni momento, a norma del d. lgs. 196/03, l’utente – potrà ottenere, previa richiesta inviata all’indirizzo email info(chiocciola)ilfederico.com, la conferma dell’esistenza del trattamento dei dati in questione e delle finalità dello stesso, l’indicazione dell’origine dei dati, l’indicazione della logica applicata al trattamento, l’indicazione di tutti gli elementi sopra elencati, nonché: l’aggiornamento, la rettifica, l’integrazione dei dati; la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge. Su questo sito non vengono utilizzati cookie di profilazione. Per maggiori informazioni sui cookies si veda questa pagina: https://it.wikipedia.org/wiki/Cookie B – Cookies tecnici I cookies tecnici vengono utilizzati senza necessità di consenso da parte dell’utente, ma possono essere disabilitati. Questi cookies sono volti a mantenere un buon funzionamento della navigazione o ad incrementare le funzionalità o le prestazioni del sito. Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori. C – Puoi gestire le tue preferenze sui cookies anche tramite browser Ogni browser contiene una pagina di gestione dei cookies che potrai modificare come meglio credi.

Chiudi