I BRONZI DORATI DI PERGOLA E IL LORO MUSEO

E’ il 26 giugno 1946 quando, dalle parti della piccola frazione di Cartoceto, la terra rivela un segreto ai due agricoltori che la stanno lavorando: un segreto dal peso di oltre nove quintali, un tesoro di oro e di bronzo che di lì a breve il mondo conoscerà come i Bronzi Dorati di Pergola.

A detta degli esperti, il gruppo scultoreo pergolese non è da considerarsi un’eccellente opera d’arte, semmai un buon lavoro d’artigianato. E allora perché tutto questo interesse attorno ai bronzi dorati di Pergola? Il motivo è semplice. Questi rappresentano un’importantissima pagina di storia: stiamo infatti parlando del solo gruppo di bronzi dorati esistente al mondo pervenutoci dall’età romana e tutt’oggi conservato.

L'ingresso del Museo allestito presso il convento di San Giacomo

L’ingresso del Museo allestito presso il convento di San Giacomo

Sopravvissuti allo scorrere lentissimo di due millenni, i Bronzi hanno dovuto vedersela con un nemico forse più ostico del tempo: la guerra combattuta a suon di carte bollate tra la cittadina cesanense e Ancona. La contesa ha inizio nel 1988, quando i pergolesi si rifiutano di restituire l’Opera prestata per un’esposizione temporanea, addirittura edificando un muro, mattone su mattone, perché nessuno portasse via loro questo pezzo di orgoglio metallico locale.

 

Oggi le statue, ritraenti in origine un gruppo familiare composto da due donne e da due uomini a cavallo, riposano in una stanza adeguatamente climatizzata presso il Museo appositamente allestito per ospitarle nelle stanze del Convento di San Giacomo.

Piera Vernarecci, l’adorabile ficcanaso che salvò i Bronzi Dorati di Pergola da un nuovo oblio.

La fortuna che accompagna una scoperta non guasta mai, ma perché le cose funzionino davvero servono anche intelligenza e intraprendenza, possibilmente somministrate in dosi massicce. Qualità che di certo non mancano a Piera Vernarecci: probabilmente è grazie a lei se noi possiamo ancora ammirare le celebri sculture e la cittadina di Pergola può vantare un museo ovunque invidiato.

Piera studia presso l’Università di Urbino e, innamorata di Storia dell’Arte, materia su cui ha da poco dato un esame, viene a sapere delle voci che circolano a proposito di un incredibile ritrovamento avvenuto dalle parti di Cartoceto di Pergola, in località Santa Lucia di Calamello. Senza pensarci due volte, la giovane si fionda sul posto, ma non riesce a trovare granché: tutto è già stato fatto sparire. Tutto tranne un minuscolo frammento dimenticato sotto della terra smossa di fresco e che l’universitaria non si lascia scappare.

bronzi dorati di Pergola

bronzi dorati di Pergola

Armata del prezioso pezzetto di bronzo dorato superstite, Piera Vernarecci corre dallo zio, il canonico Giovanni Vernarecci, allora ispettore onorario di Fossombrone. Quest’ultimo informa a sua volta le forze dell’ordine locali, ma nemmeno così si riesce a far saltar fuori i reperti celati. Il signor Giovanni contatta allora il Museo archeologico nazionale delle Marche che invia sul posto il suo unico salariato giornaliero, Nereo Alfieri, il quale riesce finalmente a farsi consegnare parte di quel ‘bottino’ che successivamente sequestrerà in nome dello Stato. Nel frattempo si viene a sapere che i contadini che hanno fortunosamente rinvenuto il gruppo scultoreo sono in viaggio verso Roma. Vengono allora allertati i carabinieri della Capitale al fine di prevenire una possibile vendita sul mercato clandestino.

Non sappiamo se i due agricoltori fossero animati o meno da cattive intenzioni (e se sì fino a che punto), ma se è vero quel che scrive Mario Luni nel libro I Bronzi Dorati di Pergola. Un enigma? , cioè che lo stato di estrema frammentarietà della pancia di uno dei cavalli è da ricercarsi nei colpi di piccone inferti dai primi ritrovatori perché convinti contenesse monete d’oro, allora risulta lampante quanto siano stati provvidenziali l’interessamento della studentessa e gli interventi dello zio Giovanni, di Nereo Alfieri e delle forze dell’ordine.

I Bronzi Dorati di Pergola, un mistero mai svelato.

L’abito indossato dal cavaliere meglio conservato, un uomo maturo ma non anziano, è quello tipico dei militari romani d’alto rango in tempo di pace. L’anello che la figura femminile più integra porta al dito suggerisce l’appartenenza all’Ordine equestre e racconta non poco dell’alto livello sociale della famiglia. Questi ed altri elementi fanno capire l’importanza delle persone che il gruppo scultoreo raffigura, ma chi siano di preciso non è dato saperlo: nemmeno i lavori di restauro avvenuti prima tra il 1948 e il 1959 e poi tra il 1975 e il 1986 hanno contribuito a svelare l’arcano.

Diverse sono le ipotesi degli studiosi: probabilmente la più suggestiva – non necessariamente la più veritiera – è quella di Viktor H. Bohm che identifica il cavaliere in Cicerone, nientemeno, e la sua famiglia negli altri elementi del gruppo.

Un’ulteriore domanda da porsi è: che ci facevano i Bronzi Dorati di Pergola sottoterra, dalle parti in cui la Salaria di congiunge alla Flaminia e lontano da centri abitati? Sono il bottino di un antico saccheggio? Si tratta di una damnatio memoriae? Nessuno, almeno per ora, sembra saper dare risposta.

Il Museo

Ovviamente le statue rinvenute nel 1946 nei pressi della frazione Cartoceto rappresentano il piatto forte del sistema museale, ma non ne rappresentano l’unica attrattiva. C’è la sezione archeologica, ricca di mosaici e corredi funerari di età romana; la sezione storico-artistica con i suoi dipinti e le sue sculture; quella di arte contemporanea dove sono esposte opere grafiche del maestro pergolese Walter Valentini; per finire troviamo uno spazio dedicato alla numismatica, 238 monete settecentesche donate al Comune da don Giovanni Carboni.

PER MAGGIORI INFORMAZIONI CONSULTARE IL SITO DEL MUSEO

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

CONTENUTI ilfederico.com non è una testata giornalistica dal momento che gli aggiornamenti non seguono alcuna cadenza fissa. Pertanto, ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001, non può in alcun modo considerarsi un prodotto editoriale. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti dei singoli articoli. I responsabili di ilfederico.com, secondo il loro insindacabile giudizio, si riservano il diritto di eliminare tutti quegli interventi apportati dagli utenti ritenuti offensivi, razzisti o non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Le informazioni contenute in questo blog potrebbero contenere inesattezze, ancorché commesse senza intenzionalità. Gli autori del sito non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo. TRATTAMENTO DATI PERSONALI Ai sensi del Dlgs. 196/2003, recante “Codice in materia di protezione dei dati personali”, il trattamento dei dati personali sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della riservatezza e dei diritti. Ai sensi dell’articolo 13 del predetto Decreto, informiamo che: a) Il trattamento dei dati viene effettuato nel rispetto dei limiti e delle condizioni previste dalla legge, con le seguenti modalità: strumenti automatizzati, inclusi quelli elettronici e telematici. b) Il conferimento dei dati ha natura facoltativa. c) La mancata disponibilità totale o parziale dei dati può comportare l’impossibilità a perseguire la predetta finalità. d) Soggetti e categorie di soggetti ai quali i dati potranno essere comunicati e ambito di diffusione dei dati. I dati di cui sopra, nel rispetto delle finalità sopra indicate, verranno comunicati ai soggetti di seguito indicati: soggetti pubblici e privati per gli adempimenti previsti da ogni norma di legge o da disposizioni contrattuali. I dati non sono oggetto di diffusione. In ogni momento potrai esercitare i tuoi diritti nei confronti dei titolari del trattamento, ai sensi dell’articolo 8 D.Lgs. 196/2003. Restano salvi i diritti di cui all’articolo 7 del Dlgs. 196/2003. e) Titolarità del trattamento e richiesta informazioni ◾I Titolari del trattamento sono Gaetano Tripolone – Via Calzoppo 22/a 61026 Piandimeleto PU tel 0722 710007 – e Marco Toccacieli – Viale Trento 269, 61121 Pesaro f) Responsabili del trattamento ◾I Titolari del trattamento sono Gaetano Tripolone – Via Calzoppo 22/a 61026 Piandimeleto PU tel 0722 710007 – e Marco Toccacieli – Viale Trento 269, 61121 Pesaro INFORMATIVA E GESTIONE DEI COOKIES Cosa sono i cookies? I cookies sono files di testo che i siti visitati dall’utente inviano al terminale dello stesso– computer, smartphone e così via – dove vengono archiviati e poi ritrasmessi agli stessi siti in occasione della successiva visita del medesimo utente. Navigando su ilfederico.com, potrai ricevere solo cookies inviati direttamente dal nostro sito. A – Cookies utilizzati dal presente sito web I cookies vengono utilizzati con strumenti elettronici e ogni tipologia ha una sua funzione specifica. I cookies tecnici vengono utilizzati senza necessità di consenso da parte dell’utente, ma possono essere disabilitati (vedi in seguito). In ogni momento, a norma del d. lgs. 196/03, l’utente – potrà ottenere, previa richiesta inviata all’indirizzo email info(chiocciola)ilfederico.com, la conferma dell’esistenza del trattamento dei dati in questione e delle finalità dello stesso, l’indicazione dell’origine dei dati, l’indicazione della logica applicata al trattamento, l’indicazione di tutti gli elementi sopra elencati, nonché: l’aggiornamento, la rettifica, l’integrazione dei dati; la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge. Su questo sito non vengono utilizzati cookie di profilazione. Per maggiori informazioni sui cookies si veda questa pagina: https://it.wikipedia.org/wiki/Cookie B – Cookies tecnici I cookies tecnici vengono utilizzati senza necessità di consenso da parte dell’utente, ma possono essere disabilitati. Questi cookies sono volti a mantenere un buon funzionamento della navigazione o ad incrementare le funzionalità o le prestazioni del sito. Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori. C – Puoi gestire le tue preferenze sui cookies anche tramite browser Ogni browser contiene una pagina di gestione dei cookies che potrai modificare come meglio credi.

Chiudi