Castello di Pietrarubbia

Il Castello di Pietrarubbia, dove gli occhi si riempiono d’incanto e le orecchie dei sussurri di un tempo passato e inafferrabile.

Un tiro mancino è quello che subito giocano la natura e la storia, quando, arrivando dalla cittadina di Carpegna, ci si trova davanti agli occhi una torre che molti credono essere quella del Castello di Pietrarubbia.

Ma non è così.

Se il visitatore strizza un po’ le palpebre e si avvicina quel tanto che basta, scoprirà che si tratta solamente di rocce. Assemblate in maniera piuttosto bizzarra, tanto da guadagnarsi l’appellativo di Stonhenge italiana, ma sempre rocce sono. Ci cascano tutti, la prima volta che si trovano a passare da queste parti. E il pegno da pagare è quello di doversi lasciar schernire dal vento, che qui, nella brutta stagione, soffia di continuo la sua tremenda risata da lupo.

E’ il sito di Pietrafagnana o, secondo la tradizione, nientemeno che Il dito di Lucifero.

Vuole la leggenda che Dio Onnipotente, proprio in questo luogo, abbia scagliato l’angelo del male dopo il tradimento. Il signore delle tenebre, impattando col terreno, avrebbe creato proprio qui l’ingresso per l’Inferno. Sempre secondo la credenza popolare, il rilievo di Pietrafagnana sarebbe la mano stessa di Lucifero che spunta dal sottosuolo e il roccione posizionato verticalmente, quello simile a una torre, ne rappresenterebbe il dito indice che, ergendosi minaccioso verso il cielo, parrebbe voler sottintendere un tutt’altro che rassicurante “non finisce qui”.

E’ da Mercato Vecchio che prende a salire la stradicciola che porta al Castello di Pietrarubbia, quello vero. Purtroppo della munitissima fortezza, definita inespugnabile nel XIV secolo, oggi rimane poco. Il visitatore moderno troverà ad attenderlo qualche brandello di muro e una torre, detta Torre del Falco, che ancora sporge silenziosa e fiera dal suo costone di roccia e come un vecchio generale testardo mostra la sua faccia arcigna al nemico mortale, il tempo, rifiutandosi ostinatamente di dargliela vinta.

Ah, che tempi quando il nemico era l’uomo medievale! Quando lo si poteva guardare dall’alto e scorgerlo piccolo, giù in fondo al terribile dirupo, magari nell’atto di osservare titubante le rocce ferrigne, rosse, quasi come fossero imbevute del sangue di vecchi rivali spazzati via in un ghigno.

Già, le rocce rosse, è da queste che deriva il nome del luogo: Pietrarubbia, ovvero, Pietra Rossa.

Il castello, già esistente nel V secolo e infeudato a Ulderico di Carpegna nel 962, fu oggetto di aspra contesa tra i Malatesta e i Montefeltro fino al 1463, anno che ne segnò il definitivo passaggio sotto il dominio di questi ultimi, i quali provvidero alla sua risistemazione.

Poco sotto il complesso difensivo sorge il borgo, le cui case sono state realizzate attorno al XVI secolo con materiali recuperati dai vari crolli subiti dal fortilizio. All’interno dell’abitato una chiesetta molto carina si fa notare, è la Chiesa di San Silvestro, la quale è stata realizzata attorno all’anno mille e oggi ospita Il Sole Bronzeo, opera del grande scultore Arnaldo Pomodoro.

Lo stesso Pomodoro ha voluto rinnovare la tradizione che dal medioevo lega Pietrarubbia all’arte della lavorazione del ferro, fondando proprio qui il Centro T.A.M per il trattamento artistico dei metalli, un’officina creativa che ogni anno accoglie svariati giovani artisti.

Pietrarubbia, assieme a San Leo, Carpegna e Montecopiolo è uno dei luoghi più antichi del Montefeltro. L’aria che si respira è frizzante, carica di una calma solennità che riporta in dietro di secoli.

Signori, le suggestioni da queste parti sono infinite.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

CONTENUTI ilfederico.com non è una testata giornalistica dal momento che gli aggiornamenti non seguono alcuna cadenza fissa. Pertanto, ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001, non può in alcun modo considerarsi un prodotto editoriale. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti dei singoli articoli. I responsabili di ilfederico.com, secondo il loro insindacabile giudizio, si riservano il diritto di eliminare tutti quegli interventi apportati dagli utenti ritenuti offensivi, razzisti o non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Le informazioni contenute in questo blog potrebbero contenere inesattezze, ancorché commesse senza intenzionalità. Gli autori del sito non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo. TRATTAMENTO DATI PERSONALI Ai sensi del Dlgs. 196/2003, recante “Codice in materia di protezione dei dati personali”, il trattamento dei dati personali sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della riservatezza e dei diritti. Ai sensi dell’articolo 13 del predetto Decreto, informiamo che: a) Il trattamento dei dati viene effettuato nel rispetto dei limiti e delle condizioni previste dalla legge, con le seguenti modalità: strumenti automatizzati, inclusi quelli elettronici e telematici. b) Il conferimento dei dati ha natura facoltativa. c) La mancata disponibilità totale o parziale dei dati può comportare l’impossibilità a perseguire la predetta finalità. d) Soggetti e categorie di soggetti ai quali i dati potranno essere comunicati e ambito di diffusione dei dati. I dati di cui sopra, nel rispetto delle finalità sopra indicate, verranno comunicati ai soggetti di seguito indicati: soggetti pubblici e privati per gli adempimenti previsti da ogni norma di legge o da disposizioni contrattuali. I dati non sono oggetto di diffusione. In ogni momento potrai esercitare i tuoi diritti nei confronti dei titolari del trattamento, ai sensi dell’articolo 8 D.Lgs. 196/2003. Restano salvi i diritti di cui all’articolo 7 del Dlgs. 196/2003. e) Titolarità del trattamento e richiesta informazioni ◾I Titolari del trattamento sono Gaetano Tripolone – Via Calzoppo 22/a 61026 Piandimeleto PU tel 0722 710007 – e Marco Toccacieli – Viale Trento 269, 61121 Pesaro f) Responsabili del trattamento ◾I Titolari del trattamento sono Gaetano Tripolone – Via Calzoppo 22/a 61026 Piandimeleto PU tel 0722 710007 – e Marco Toccacieli – Viale Trento 269, 61121 Pesaro INFORMATIVA E GESTIONE DEI COOKIES Cosa sono i cookies? I cookies sono files di testo che i siti visitati dall’utente inviano al terminale dello stesso– computer, smartphone e così via – dove vengono archiviati e poi ritrasmessi agli stessi siti in occasione della successiva visita del medesimo utente. Navigando su ilfederico.com, potrai ricevere solo cookies inviati direttamente dal nostro sito. A – Cookies utilizzati dal presente sito web I cookies vengono utilizzati con strumenti elettronici e ogni tipologia ha una sua funzione specifica. I cookies tecnici vengono utilizzati senza necessità di consenso da parte dell’utente, ma possono essere disabilitati (vedi in seguito). In ogni momento, a norma del d. lgs. 196/03, l’utente – potrà ottenere, previa richiesta inviata all’indirizzo email info(chiocciola)ilfederico.com, la conferma dell’esistenza del trattamento dei dati in questione e delle finalità dello stesso, l’indicazione dell’origine dei dati, l’indicazione della logica applicata al trattamento, l’indicazione di tutti gli elementi sopra elencati, nonché: l’aggiornamento, la rettifica, l’integrazione dei dati; la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge. Su questo sito non vengono utilizzati cookie di profilazione. Per maggiori informazioni sui cookies si veda questa pagina: https://it.wikipedia.org/wiki/Cookie B – Cookies tecnici I cookies tecnici vengono utilizzati senza necessità di consenso da parte dell’utente, ma possono essere disabilitati. Questi cookies sono volti a mantenere un buon funzionamento della navigazione o ad incrementare le funzionalità o le prestazioni del sito. Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori. C – Puoi gestire le tue preferenze sui cookies anche tramite browser Ogni browser contiene una pagina di gestione dei cookies che potrai modificare come meglio credi.

Chiudi