Cerasa, piccolo castello tutto da scoprire

Una strada dove il via vai delle automobili non conosce sosta, una lunga striscia d’asfalto puntellata ai lati da moderne abitazioni e un cartello che recita: Cerasa, frazione di San Costanzo. Uno scenario di certo capace di deprimere il visitatore arrampicatosi fin quassù in cerca del suo bel pezzettino di tranquillo medioevo. Per fortuna, però, il primo sguardo sull’abitato è una menzogna.

Esiste ancora la Cerasa storica, il piccolo castello che con orgoglio, nel corso del ‘400, seppe tenere a freno l’ingordigia della più blasonata Fano Malatestiana. E’ solo che rimane un po’ nascosta, oscurata com’è dalla frenesia contemporanea e dalle numerose case cresciute come funghi fuori le mura.

Andiamo a dare un’occhiatina?

L'elegante arco d'accesso sovrastato dalla bella torre dell'orologio

L’elegante arco d’accesso sovrastato dalla bella torre dell’orologio

Cerasa, tutto il bello che c’è

Dopo aver percorso un lungo viale che – con i suoi palazzi dai colori slavati e dalle linee pressoché anonime- ricorda per certi versi una periferia di città, gli occhi trarranno certo un vero e proprio godimento nel mettere a fuoco il rossiccio del laterizio impiegato nella realizzazione del castello di Cerasa, che appare senza preavviso.

A dare il benvenuto al forestiero è la bella torre dell’orologio, visibile da lontano. A fianco della slanciata struttura se ne sta invece un sobrio, e al tempo stesso elegante, arco d’accesso preceduto da un ponticello in muratura.

Varcando l’affascinante ingresso dal sapore prettamente medievale si accede istantaneamente alla piazza del paese. Qui, oltre a qualche nobile palazzo, si affaccia anche la Chiesa intitolata a San Lorenzo.

E’ un luogo di quiete, il nucleo storico di Cerasa, che racconta di ritmi lenti. Ritmi scanditi dagli odori di cucina e dal chiacchiericcio televisivo che fuoriescono dalle vecchie case.

Le antiche mura avvolgono ancora il borgo e, come una coperta conosciuta, danno al tutto un senso di calore e protezione. E’ bello passeggiare per le strette vie, magari gettando di tanto in tanto lo sguardo all’insù, per vedere di scoprire l’ennesima delle numerose torri ancora presenti e spesso trasformate in semplici abitazioni civili.

Cerasa di San Costanzo, uno dei caratteristici vicoli

Cerasa di San Costanzo, uno dei caratteristici vicoli

Cenni storici sul castello di Cerasa

Cerasa viene fondata attorno al XII° secolo sul cosiddetto Monte del Ceregia. I suoi primi abitanti provengono in massima parte da un borgo chiamato Castello di Querciafissa, andato distrutto per una qualche ragione che la storia non è riuscita a ricordare.

Come il vecchio abitato, anche il nuovo dipende – almeno inizialmente – dall’Abbazia di San Paterniano. Nel 1279 viene ceduto in feudo a Giovanni di Sant’Andrea di San Lorenzo in campo, ma i legami con l’ordine religioso permangono. Sono infatti gli stessi monaci, come testimonia la lapide a caratteri gotici presente sulla facciata, a fondare la parrocchiale nel 1346. Ed è ancora l’Abbate Martinozzi a convincere, forse costringere, le genti di Cerasa a lavorare gratuitamente al restauro e alla fortificazione del castello nel 1380.

Cerasa, Chiesa di San Lorenzo Martire

Cerasa, Chiesa di San Lorenzo Martire

L’orgoglio degli abitanti il borgo è scritto nero su bianco su vecchie cronache, le quali raccontano di come nel 1432 seppero tener testa al desiderio d’espansione di San Costanzo (attuale capoluogo comunale) e della ben più forte Fano. Certo, l’indipendenza del piccolo castello deve tanto pure agli interventi diplomatici del Vicario di San Lorenzo in Campo e del Governatore della Marca, ma il nobile e tenace gesto rimane.

A partire dalla seconda metà del ‘400, Cerasa conosce diversi cambi di potere. Nel 1463, assieme a Mondavio e Senigallia, si trova per Signore Antonio Piccolomini. Questi, già Duca di Amalfi, viene investito dei nuovi territori dallo zio, Papa Pio II°. Ma trascorre un anno appena e, con la morte del Pontefice, Cerasa entra nella lista dei domini fanesi.

Gli stessi territori concessi al Piccolomini finiscono nel 1474, per volere di Sisto IV°, nelle mani di Giovanni della Rovere. E’ nel 1520 che Cerasa, così come tutto il Vicariato di Mondavio, passa alle dipendenze di Fano come da desiderio di Papa Leone X°.

Scopri con Google Maps come arrivare a Cerasa

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

CONTENUTI ilfederico.com non è una testata giornalistica dal momento che gli aggiornamenti non seguono alcuna cadenza fissa. Pertanto, ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001, non può in alcun modo considerarsi un prodotto editoriale. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti dei singoli articoli. I responsabili di ilfederico.com, secondo il loro insindacabile giudizio, si riservano il diritto di eliminare tutti quegli interventi apportati dagli utenti ritenuti offensivi, razzisti o non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Le informazioni contenute in questo blog potrebbero contenere inesattezze, ancorché commesse senza intenzionalità. Gli autori del sito non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo. TRATTAMENTO DATI PERSONALI Ai sensi del Dlgs. 196/2003, recante “Codice in materia di protezione dei dati personali”, il trattamento dei dati personali sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della riservatezza e dei diritti. Ai sensi dell’articolo 13 del predetto Decreto, informiamo che: a) Il trattamento dei dati viene effettuato nel rispetto dei limiti e delle condizioni previste dalla legge, con le seguenti modalità: strumenti automatizzati, inclusi quelli elettronici e telematici. b) Il conferimento dei dati ha natura facoltativa. c) La mancata disponibilità totale o parziale dei dati può comportare l’impossibilità a perseguire la predetta finalità. d) Soggetti e categorie di soggetti ai quali i dati potranno essere comunicati e ambito di diffusione dei dati. I dati di cui sopra, nel rispetto delle finalità sopra indicate, verranno comunicati ai soggetti di seguito indicati: soggetti pubblici e privati per gli adempimenti previsti da ogni norma di legge o da disposizioni contrattuali. I dati non sono oggetto di diffusione. In ogni momento potrai esercitare i tuoi diritti nei confronti dei titolari del trattamento, ai sensi dell’articolo 8 D.Lgs. 196/2003. Restano salvi i diritti di cui all’articolo 7 del Dlgs. 196/2003. e) Titolarità del trattamento e richiesta informazioni ◾I Titolari del trattamento sono Gaetano Tripolone – Via Calzoppo 22/a 61026 Piandimeleto PU tel 0722 710007 – e Marco Toccacieli – Viale Trento 269, 61121 Pesaro f) Responsabili del trattamento ◾I Titolari del trattamento sono Gaetano Tripolone – Via Calzoppo 22/a 61026 Piandimeleto PU tel 0722 710007 – e Marco Toccacieli – Viale Trento 269, 61121 Pesaro INFORMATIVA E GESTIONE DEI COOKIES Cosa sono i cookies? I cookies sono files di testo che i siti visitati dall’utente inviano al terminale dello stesso– computer, smartphone e così via – dove vengono archiviati e poi ritrasmessi agli stessi siti in occasione della successiva visita del medesimo utente. Navigando su ilfederico.com, potrai ricevere solo cookies inviati direttamente dal nostro sito. A – Cookies utilizzati dal presente sito web I cookies vengono utilizzati con strumenti elettronici e ogni tipologia ha una sua funzione specifica. I cookies tecnici vengono utilizzati senza necessità di consenso da parte dell’utente, ma possono essere disabilitati (vedi in seguito). In ogni momento, a norma del d. lgs. 196/03, l’utente – potrà ottenere, previa richiesta inviata all’indirizzo email info(chiocciola)ilfederico.com, la conferma dell’esistenza del trattamento dei dati in questione e delle finalità dello stesso, l’indicazione dell’origine dei dati, l’indicazione della logica applicata al trattamento, l’indicazione di tutti gli elementi sopra elencati, nonché: l’aggiornamento, la rettifica, l’integrazione dei dati; la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge. Su questo sito non vengono utilizzati cookie di profilazione. Per maggiori informazioni sui cookies si veda questa pagina: https://it.wikipedia.org/wiki/Cookie B – Cookies tecnici I cookies tecnici vengono utilizzati senza necessità di consenso da parte dell’utente, ma possono essere disabilitati. Questi cookies sono volti a mantenere un buon funzionamento della navigazione o ad incrementare le funzionalità o le prestazioni del sito. Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori. C – Puoi gestire le tue preferenze sui cookies anche tramite browser Ogni browser contiene una pagina di gestione dei cookies che potrai modificare come meglio credi.

Chiudi