Tutto il bello che c’è nel Comune di Monte Porzio

Piuttosto minuto è il Comune di Monte Porzio PU, piccolo sia in termini di numero di residenti (meno di 3000) che di estensione territoriale. Mettiamoci poi la vicinanza con gli straordinari paesi di Mondavio e di San Lorenzo in Campo, mescoliamo il tutto con l’assenza di poesia di una trafficata via di comunicazione come la Provinciale del Cesano e l’invisibilità, per il nostro piccolo centro marchigiano, è cosa fatta.

Eppure posare gli occhi per qualche ora su Monte Porzio non è affatto una cattiva idea. Lo si capisce già quando, abbandonata la caotica strada principale, si prende a salire la collina su cui sorge il borgo. Ben presto – per una sorta di magia, verrebbe da pensare – il frastuono dei clacson e l’odore acre che i veicoli si lasciano dietro mentre divorano l’asfalto, mutano nei rumori e nei profumi propri di una rigogliosa campagna.

Arco di accesso al borgo

Arco di accesso al borgo

Un piccolo centro, una grande sorpresa

E’ una sensazione di quiete e di ordine quella che gli occhi, alla comparsa delle prime case di Monte Porzio, devono archiviare. Si tratta di abitazioni ingentilite di fiori alle finestre, disposte lungo la strada fuori le mura come per un calcolo che vuole per risultato una grazia umile. Lo stesso tipo di grazia che si ritrova facilmente in diversi piccoli castelli della Provincia di Pesaro e Urbino, dove – forse per l’assenza di grandi opere d’arte – la popolazione è andata rimboccandosi le maniche per tirare a lustro il poco che il paese aveva da offrire. Ecco perché una volta arrivati nel vero nucleo storico cittadino si rimane a bocca aperta.

Quella che ci attende nel cuore dell’abitato, infatti, non è una semplice piazzetta. Si tratta piuttosto di un complesso sistema di edifici messo a punto da Andrea Vici (uno tra gli allievi più dotati del Vanvitelli) che riprende, sia pure in chiave settecentesca, un tema caro al Rinascimento: quello della Città Ideale.

Pare un dipinto, questo scorcio di Monte Porzio, una tela che racconta tutta l’abilità dell’artista-architetto nel distribuire lo spazio e nel giocare con la prospettiva. Sui lati troviamo raffinatissime costruzioni storiche, tra le quali, per mole ed eleganza, si distingue Palazzo Montevecchio. Lo sfondo è occupato dall’antica residenza del Vicario, vale a dire Palazzo del Pubblico, a cui si affianca la piccola Chiesa di Santa Maria Assunta. Di sicuro questo minuto luogo di fede merita una visita… non fosse altro che per gettare uno sguardo alle belle tele del Sacchi e del Ceccarini che ancora custodisce.

Curioso è anche l’antico arco d’accesso al borgo, tutt’ora presente.

L'elegante Piazza presente nel Comune di Monte Porzio

L’elegante Piazza presente nel Comune di Monte Porzio

Il palazzo fortificato di Castelvecchio

Sempre in Comune di Monte Porzio, se ne sta una frazione molto viva: Castelvecchio. Si tratta di un abitato dalle origini piuttosto remote, eppure, il visitatore meno attento potrebbe facilmente essere tratto in inganno dalla modernità che pare aver ammantato il luogo da capo a piedi. E’ la presenza del vecchio palazzo fortificato ad andare lui in aiuto, ad aprirgli gli occhi circa la reale portata storica del posto.

Si tratta di una costruzione a metà tra rocca e dimora signorile, oggi di proprietà privata, con tanto di torri e beccatelli. L’edificio, restaurato più volte nel corso del tempo, sembra affondare le sue radici nel pieno del XII secolo.

Il Palazzo fortificato nella frazione di Castelvecchio

Il Palazzo fortificato nella frazione di Castelvecchio

Cenni storici sul Comune di Monte Porzio

Quello di Monte Porzio è un territorio che conobbe la vita già in tempi remotissimi, abitato probabilmente fin dall’età della pietra. La longevità del luogo trovò conferma quando, proprio nelle sue terre, fu rinvenuto un vaso attico raffigurante un guerriero nel gesto di armarsi e databile attorno alla prima metà del V secolo a. C (oggi conservato presso il Museo di Ancona).

Ma questa, tuttavia, non fu l’unica scoperta storicamente rilevante.

Il territorio proprio del Comune di Monte Porzio vede sovente riaffiorare oggetti di epoca romana (e talvolta ruderi… molto conosciuto è quello che viene detto ‘Il Moraccio’) che raccontano l’esistere in loco di un antico castrum: Montis Podii.

Nel 1428 il castello finì nelle mani del Conte Guido di Mirabello, uno dei luogotenenti dei Malatesta, che tuttavia non dovette goderne a lungo perché si vide costretto a rendere l’anima a Dio solo tre anni più tardi. La reggenza toccò allora ai Conti di Montevecchio.

Monte Porzio prese poi a ruotare nell’orbita del vicino e potente CASTELLO DI MONDAVIO, seguendone – e spesso subendone – le vicende fino al 1520, quando, dopo esser passato attraverso le signorie del Piccolomini, dei Della Rovere e di Lorenzo De’ Medici, divenne cosa di Fano per volere di Papa Leone X.

Scopri con Google Maps come arrivare a Monte Porzio PU

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

CONTENUTI ilfederico.com non è una testata giornalistica dal momento che gli aggiornamenti non seguono alcuna cadenza fissa. Pertanto, ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001, non può in alcun modo considerarsi un prodotto editoriale. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti dei singoli articoli. I responsabili di ilfederico.com, secondo il loro insindacabile giudizio, si riservano il diritto di eliminare tutti quegli interventi apportati dagli utenti ritenuti offensivi, razzisti o non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Le informazioni contenute in questo blog potrebbero contenere inesattezze, ancorché commesse senza intenzionalità. Gli autori del sito non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo. TRATTAMENTO DATI PERSONALI Ai sensi del Dlgs. 196/2003, recante “Codice in materia di protezione dei dati personali”, il trattamento dei dati personali sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della riservatezza e dei diritti. Ai sensi dell’articolo 13 del predetto Decreto, informiamo che: a) Il trattamento dei dati viene effettuato nel rispetto dei limiti e delle condizioni previste dalla legge, con le seguenti modalità: strumenti automatizzati, inclusi quelli elettronici e telematici. b) Il conferimento dei dati ha natura facoltativa. c) La mancata disponibilità totale o parziale dei dati può comportare l’impossibilità a perseguire la predetta finalità. d) Soggetti e categorie di soggetti ai quali i dati potranno essere comunicati e ambito di diffusione dei dati. I dati di cui sopra, nel rispetto delle finalità sopra indicate, verranno comunicati ai soggetti di seguito indicati: soggetti pubblici e privati per gli adempimenti previsti da ogni norma di legge o da disposizioni contrattuali. I dati non sono oggetto di diffusione. In ogni momento potrai esercitare i tuoi diritti nei confronti dei titolari del trattamento, ai sensi dell’articolo 8 D.Lgs. 196/2003. Restano salvi i diritti di cui all’articolo 7 del Dlgs. 196/2003. e) Titolarità del trattamento e richiesta informazioni ◾I Titolari del trattamento sono Gaetano Tripolone – Via Calzoppo 22/a 61026 Piandimeleto PU tel 0722 710007 – e Marco Toccacieli – Viale Trento 269, 61121 Pesaro f) Responsabili del trattamento ◾I Titolari del trattamento sono Gaetano Tripolone – Via Calzoppo 22/a 61026 Piandimeleto PU tel 0722 710007 – e Marco Toccacieli – Viale Trento 269, 61121 Pesaro INFORMATIVA E GESTIONE DEI COOKIES Cosa sono i cookies? I cookies sono files di testo che i siti visitati dall’utente inviano al terminale dello stesso– computer, smartphone e così via – dove vengono archiviati e poi ritrasmessi agli stessi siti in occasione della successiva visita del medesimo utente. Navigando su ilfederico.com, potrai ricevere solo cookies inviati direttamente dal nostro sito. A – Cookies utilizzati dal presente sito web I cookies vengono utilizzati con strumenti elettronici e ogni tipologia ha una sua funzione specifica. I cookies tecnici vengono utilizzati senza necessità di consenso da parte dell’utente, ma possono essere disabilitati (vedi in seguito). In ogni momento, a norma del d. lgs. 196/03, l’utente – potrà ottenere, previa richiesta inviata all’indirizzo email info(chiocciola)ilfederico.com, la conferma dell’esistenza del trattamento dei dati in questione e delle finalità dello stesso, l’indicazione dell’origine dei dati, l’indicazione della logica applicata al trattamento, l’indicazione di tutti gli elementi sopra elencati, nonché: l’aggiornamento, la rettifica, l’integrazione dei dati; la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge. Su questo sito non vengono utilizzati cookie di profilazione. Per maggiori informazioni sui cookies si veda questa pagina: https://it.wikipedia.org/wiki/Cookie B – Cookies tecnici I cookies tecnici vengono utilizzati senza necessità di consenso da parte dell’utente, ma possono essere disabilitati. Questi cookies sono volti a mantenere un buon funzionamento della navigazione o ad incrementare le funzionalità o le prestazioni del sito. Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori. C – Puoi gestire le tue preferenze sui cookies anche tramite browser Ogni browser contiene una pagina di gestione dei cookies che potrai modificare come meglio credi.

Chiudi