EREMO DELLA MADONNA DEL FAGGIO A MONTECOPIOLO

Una quiete che lava via ogni irrequietezza dall’anima, una vista mozzafiato che si stende dalle frazioni vicine fino a raggiungere la Riviera Romagnola e le poderose torri sammarinesi, la brezza carica degli odori del bosco che solletica le narici e punge la pelle anche nei mesi più caldi, e la notte un cielo stellato che giureresti di poter imprigionare un astro tra il pollice e l’indice allungando appena una mano. Tutto questo è l’ Eremo della Madonna del Faggio, luogo di silenzio e dolce stupore.

E’ la stagione invernale, grazie all’adiacente pista da sci, quella che riempie di visitatori il luogo di culto, eppure l’estate rimane il periodo ottimale per visitarlo.

L'Eremo immerso nella quiete della natura circostante

L’Eremo immerso nella quiete della natura circostante

Tra fede e leggenda, ovvero: la nascita dell’ Eremo della Madonna del Faggio

L’origine di questo splendido Eremo è imbevuta di leggenda, oltre che di una smisurata fede.

Stando a quanto raccontano libri pressoché dimenticati e vecchi di decenni, questo luogo sacro venne edificato praticamente a furor di popolo. Accadde infatti un giorno, un giorno entrato a viva forza nella tradizione, che due giovanissimi pastori si cacciarono in un gran pasticcio e, a quel che si dice, fu nientemeno che la Beata Vergine Maria a venir loro in soccorso. A distanza di qualche tempo, proprio sul luogo del miracolo, venne ritrovata l’immagine della Vergine appesa ad un faggio.

La genti del posto decisero allora di trasportare la sacra raffigurazione entro le mura del Castello di Monte Boaggine al fine di darvi più degna ospitalità. Inspiegabilmente l’indomani entro l’abitato non c’era più alcuna traccia del prezioso cimelio. Sorpresa! L’immagine sacra era ritornata sul suo bel faggio, segno inequivocabile che proprio lì si avesse da costruire un santuario.

Eremo della Madonna del Faggio, esterno.

Eremo della Madonna del Faggio, esterno.

Cenni storici sull’ Eremo della Madonna del Faggio

E’ da poco meno di un millennio che il Monte Carpegna (1415 metri sul livello del mare), oggi situato entro il perimetro del Parco del Sasso Simone e Simoncello, ospita il santuario. Il documento più antico inerente il nostro splendo luogo di fede (un tempo dipendente dall’ Abbazia di Santa Maria del Mutino) è datato 1205 e racconta di un lascito: cosa, a dire il vero, piuttosto insolita per una minuta cappella di campagna. Strana, addirittura, se pensiamo che quel duecentesco donatore fu emulato nel corso dei secoli da tantissimi altri suoi concittadini.

Nella realtà, l’ Eremo della Madonna del Faggio è da sempre nei cuori dei fedeli di questo territorio: la spiegazione sta probabilmente nel fatto che la popolazione locale – in passato dedita prevalentemente alla pastorizia – fin da remotissimi tempi veniva qui a pregare la Beata Vergine appena prima della transumanza affinché proteggesse gli uomini e le bestie dirette nei floridi pascoli toscani e, al contempo, rivolgesse il suo sguardo benevolo anche alle donne, ai bambini e agli anziani rimasti in paese.

Le genti affidavano speranze e preghiere ad una Madonna scolpita nel legno, Madonna che si pensa possa essere presente fin dalla fondazione della celletta più antica. La scultura, oggi mancante di Bambino, è stata da poco restaurata ed è ubicata sopra l’altare maggiore.

La venerata statua della Beata Vergine all'interno dell' Eremo della Madonna del Faggio

La venerata statua della Beata Vergine all’interno dell’ Eremo della Madonna del Faggio

L’ Eremo cambia volto

Diversi sono stati i ritocchi apportati all’ Eremo della Madonna del Faggio nel corso del tempo (grazie soprattutto al consistente numero di donazioni), ma la ristrutturazione più importante si ebbe nei primi anni ’50, quando l’antica celletta dovette essere abbattuta per lasciare spazio al nuovo campanile, i locali ampliati e il portico costruito ex novo.

Buona visita!

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

CONTENUTI ilfederico.com non è una testata giornalistica dal momento che gli aggiornamenti non seguono alcuna cadenza fissa. Pertanto, ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001, non può in alcun modo considerarsi un prodotto editoriale. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti dei singoli articoli. I responsabili di ilfederico.com, secondo il loro insindacabile giudizio, si riservano il diritto di eliminare tutti quegli interventi apportati dagli utenti ritenuti offensivi, razzisti o non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Le informazioni contenute in questo blog potrebbero contenere inesattezze, ancorché commesse senza intenzionalità. Gli autori del sito non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo. TRATTAMENTO DATI PERSONALI Ai sensi del Dlgs. 196/2003, recante “Codice in materia di protezione dei dati personali”, il trattamento dei dati personali sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della riservatezza e dei diritti. Ai sensi dell’articolo 13 del predetto Decreto, informiamo che: a) Il trattamento dei dati viene effettuato nel rispetto dei limiti e delle condizioni previste dalla legge, con le seguenti modalità: strumenti automatizzati, inclusi quelli elettronici e telematici. b) Il conferimento dei dati ha natura facoltativa. c) La mancata disponibilità totale o parziale dei dati può comportare l’impossibilità a perseguire la predetta finalità. d) Soggetti e categorie di soggetti ai quali i dati potranno essere comunicati e ambito di diffusione dei dati. I dati di cui sopra, nel rispetto delle finalità sopra indicate, verranno comunicati ai soggetti di seguito indicati: soggetti pubblici e privati per gli adempimenti previsti da ogni norma di legge o da disposizioni contrattuali. I dati non sono oggetto di diffusione. In ogni momento potrai esercitare i tuoi diritti nei confronti dei titolari del trattamento, ai sensi dell’articolo 8 D.Lgs. 196/2003. Restano salvi i diritti di cui all’articolo 7 del Dlgs. 196/2003. e) Titolarità del trattamento e richiesta informazioni ◾I Titolari del trattamento sono Gaetano Tripolone – Via Calzoppo 22/a 61026 Piandimeleto PU tel 0722 710007 – e Marco Toccacieli – Viale Trento 269, 61121 Pesaro f) Responsabili del trattamento ◾I Titolari del trattamento sono Gaetano Tripolone – Via Calzoppo 22/a 61026 Piandimeleto PU tel 0722 710007 – e Marco Toccacieli – Viale Trento 269, 61121 Pesaro INFORMATIVA E GESTIONE DEI COOKIES Cosa sono i cookies? I cookies sono files di testo che i siti visitati dall’utente inviano al terminale dello stesso– computer, smartphone e così via – dove vengono archiviati e poi ritrasmessi agli stessi siti in occasione della successiva visita del medesimo utente. Navigando su ilfederico.com, potrai ricevere solo cookies inviati direttamente dal nostro sito. A – Cookies utilizzati dal presente sito web I cookies vengono utilizzati con strumenti elettronici e ogni tipologia ha una sua funzione specifica. I cookies tecnici vengono utilizzati senza necessità di consenso da parte dell’utente, ma possono essere disabilitati (vedi in seguito). In ogni momento, a norma del d. lgs. 196/03, l’utente – potrà ottenere, previa richiesta inviata all’indirizzo email info(chiocciola)ilfederico.com, la conferma dell’esistenza del trattamento dei dati in questione e delle finalità dello stesso, l’indicazione dell’origine dei dati, l’indicazione della logica applicata al trattamento, l’indicazione di tutti gli elementi sopra elencati, nonché: l’aggiornamento, la rettifica, l’integrazione dei dati; la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge. Su questo sito non vengono utilizzati cookie di profilazione. Per maggiori informazioni sui cookies si veda questa pagina: https://it.wikipedia.org/wiki/Cookie B – Cookies tecnici I cookies tecnici vengono utilizzati senza necessità di consenso da parte dell’utente, ma possono essere disabilitati. Questi cookies sono volti a mantenere un buon funzionamento della navigazione o ad incrementare le funzionalità o le prestazioni del sito. Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori. C – Puoi gestire le tue preferenze sui cookies anche tramite browser Ogni browser contiene una pagina di gestione dei cookies che potrai modificare come meglio credi.

Chiudi