Eremo di Monte Giove : fede, meraviglia e tradizione

Quanto meno curioso il fatto che l’ Eremo di Monte Giove, uno dei luoghi di fede più suggestivi dell’intera Regione Marche, debba il nome al padre di tutti gli dei pagani e che, non di meno, sorga sullo stesso colle che gli antichi romani avevano scelto per praticare il proprio culto. A quanto pare, il glorioso popolo nostro antenato vi aveva addirittura edificato un tempio di notevole importanza.

Ma non è certo il latino la lingua più remota di cui questo poggio – che a poca distanza dalla costa s’impenna fino a toccare i 233 metri sul livello del mare – ha memoria. Come dimostrano i numerosi reperti tornati alla luce, il territorio era già frequentato nel paleolitico. Le tracce più evidenti di vita passata le hanno però lasciate i Piceni, misteriosa comunità che popolava le nostre terre durante l’età del ferro.

Se la storia non fa difetto al luogo, atmosfera e bellezza non sono da meno. Andiamo allora a dare un’occhiata più da vicino.

Eremo di Monte Giove - Rampa d'accesso e portale

Eremo di Monte Giove – Rampa d’accesso e portale

Tutto l’incanto che c’è all’ Eremo di Monte Giove

E’ esattamente sui tre ettari o poco più di terreno che fanno da cappello al colle che sorge il complesso monastico dei Padri Camaldolesi, ultimato nel 1627 sul suolo acquistato dai religiosi una ventina di anni prima.

A dare il benvenuto al visitatore c’è una bella rampa seicentesca che conduce ad un altrettanto splendido portale, portale che si apre su una cinta muraria che conferisce al luogo quasi l’aspetto di fortezza.

Entrando si viene subito colpiti dal silenzio che da queste parti regna incontrastato e dalla figura a pianta ottagonale che si staglia imponente davanti gli occhi: la chiesa dedicata al Salvatore, realizzata su disegno del riminese Giovan Francesco Buonamici. Questo luogo di culto è andato a sostituire nel 1741, in posizione più arretrata, un edificio più antico di analoga funzione minacciato dall’instabilità del terreno.

All’interno vengono custodite numerose opere di rilievo: assieme alla statua realizzata dal veneziano Antonio Corradini che ritrae quel San Romualdo fondatore dell’ordine camaldolese, vi sono anche quelle dedicate a San Benedetto, Santa Scolastica, San Pier Damiani e San Bonifacio (eseguite, queste, dallo scultore Carlo Santi). Interessanti anche le tele che impreziosiscono la chiesa: quelle di Venanzio da Camerino e di Gianandrea Lazzarini.

Nel perimetro del monastero si trovano anche alcune casette (e numerosi orticelli) riservate ai religiosi e la foresteria. E’ passeggiando senza meta, accarezzando distrattamente i mattoni di questi edifici mentre i piedi s’infilano uno davanti all’altro, che quasi per caso si arriva ad un balcone che permette una vista sorprendente su Fano e su una bella fetta di costa. Una vista che riappacifica col mondo.

La chiesa ottagonale presso l' Eremo di Monte Giove

La chiesa ottagonale presso l’ Eremo di Monte Giove

Il sapere dei libri, il sapere delle mani

Qualche parola merita di essere spesa anche per la biblioteca e per la farmacia dell’ Eremo di Monte Giove. La prima, lontana parente di quella andata dispersa a seguito delle soppressioni napoleonica prima e del Regno d’Italia poi, venne ricostituita a partire dal 1925, anno in cui i monaci riuscirono a riappropriarsi di questo straordinario luogo di fede. I volumi che oggi si possono consultare provengono in massima parte da altri centri camaldolesi, da donazioni di privati e da acquisti effettuati dagli stessi religiosi.

Il fondo antico comprende oltre un migliaio di libri stampati tra il XVI° e il XIX° secolo, inerenti soprattutto la teologia e le scienze umane. La biblioteca moderna è invece forte di oltre cinquemila titoli che trattano per lo più di religione, arte e storia locale, senza tralasciare tuttavia quella contemporaneità espressa dai filosofi, dagli economisti e dai grandi narratori.

I locali della biblioteca ospitano sovente incontri culturali e offrono uno spazio di studio e di quiete a chi, per qualche momento, desidera isolarsi dal mondo in compagnia di un buon libro. E’ inoltre attivo, oltre al servizio di consultazione in sede, anche quello di prestito esterno.

Se la bellezza del luogo e le storie di meraviglia dette dai libri sono un sollievo per l’anima, il corpo lo si cura con i ritrovati della nota farmacia di Monte Giove. Lo studio e la coltivazione delle erbe medicinali sono qui una tradizione. E come poteva essere altrimenti? Per chi vive isolato dal contesto sociale come, appunto, i monaci, conoscere la medicina è un fatto indispensabile, un fatto da cui un tempo dipendeva la sussistenza stessa dei centri religiosi.

Farà certo piacere al visitatore sapere che ancora oggigiorno si possono trovare in quel di Monte Giove tisane, medicamenti e liquori preparati seguendo lo antiche ricette.

L’ Eremo di Monte Giove oggi

Della nomea del luogo, di quella fama che nel 1657 spinse la regina di Svezia Cristina Alessandra Maria e visitare il monastero, resta ben poco. Quello che rimane sono la passione e l’impegno che muovono i cinque religiosi che ancora vivono qui nella salvaguardia della tradizione e della fede. Sono le piccole cose a rendere speciale questo eremo, dove il visitatore può alloggiare e ritrovare se non la strada che conduce al Signore, almeno un pezzetto di quel sé stesso che non ricordava di aver perduto.

Scopri con Google Maps come arrivare all’ Eremo di Monte Giove


Buona visita!

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

CONTENUTI ilfederico.com non è una testata giornalistica dal momento che gli aggiornamenti non seguono alcuna cadenza fissa. Pertanto, ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001, non può in alcun modo considerarsi un prodotto editoriale. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti dei singoli articoli. I responsabili di ilfederico.com, secondo il loro insindacabile giudizio, si riservano il diritto di eliminare tutti quegli interventi apportati dagli utenti ritenuti offensivi, razzisti o non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Le informazioni contenute in questo blog potrebbero contenere inesattezze, ancorché commesse senza intenzionalità. Gli autori del sito non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo. TRATTAMENTO DATI PERSONALI Ai sensi del Dlgs. 196/2003, recante “Codice in materia di protezione dei dati personali”, il trattamento dei dati personali sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della riservatezza e dei diritti. Ai sensi dell’articolo 13 del predetto Decreto, informiamo che: a) Il trattamento dei dati viene effettuato nel rispetto dei limiti e delle condizioni previste dalla legge, con le seguenti modalità: strumenti automatizzati, inclusi quelli elettronici e telematici. b) Il conferimento dei dati ha natura facoltativa. c) La mancata disponibilità totale o parziale dei dati può comportare l’impossibilità a perseguire la predetta finalità. d) Soggetti e categorie di soggetti ai quali i dati potranno essere comunicati e ambito di diffusione dei dati. I dati di cui sopra, nel rispetto delle finalità sopra indicate, verranno comunicati ai soggetti di seguito indicati: soggetti pubblici e privati per gli adempimenti previsti da ogni norma di legge o da disposizioni contrattuali. I dati non sono oggetto di diffusione. In ogni momento potrai esercitare i tuoi diritti nei confronti dei titolari del trattamento, ai sensi dell’articolo 8 D.Lgs. 196/2003. Restano salvi i diritti di cui all’articolo 7 del Dlgs. 196/2003. e) Titolarità del trattamento e richiesta informazioni ◾I Titolari del trattamento sono Gaetano Tripolone – Via Calzoppo 22/a 61026 Piandimeleto PU tel 0722 710007 – e Marco Toccacieli – Viale Trento 269, 61121 Pesaro f) Responsabili del trattamento ◾I Titolari del trattamento sono Gaetano Tripolone – Via Calzoppo 22/a 61026 Piandimeleto PU tel 0722 710007 – e Marco Toccacieli – Viale Trento 269, 61121 Pesaro INFORMATIVA E GESTIONE DEI COOKIES Cosa sono i cookies? I cookies sono files di testo che i siti visitati dall’utente inviano al terminale dello stesso– computer, smartphone e così via – dove vengono archiviati e poi ritrasmessi agli stessi siti in occasione della successiva visita del medesimo utente. Navigando su ilfederico.com, potrai ricevere solo cookies inviati direttamente dal nostro sito. A – Cookies utilizzati dal presente sito web I cookies vengono utilizzati con strumenti elettronici e ogni tipologia ha una sua funzione specifica. I cookies tecnici vengono utilizzati senza necessità di consenso da parte dell’utente, ma possono essere disabilitati (vedi in seguito). In ogni momento, a norma del d. lgs. 196/03, l’utente – potrà ottenere, previa richiesta inviata all’indirizzo email info(chiocciola)ilfederico.com, la conferma dell’esistenza del trattamento dei dati in questione e delle finalità dello stesso, l’indicazione dell’origine dei dati, l’indicazione della logica applicata al trattamento, l’indicazione di tutti gli elementi sopra elencati, nonché: l’aggiornamento, la rettifica, l’integrazione dei dati; la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge. Su questo sito non vengono utilizzati cookie di profilazione. Per maggiori informazioni sui cookies si veda questa pagina: https://it.wikipedia.org/wiki/Cookie B – Cookies tecnici I cookies tecnici vengono utilizzati senza necessità di consenso da parte dell’utente, ma possono essere disabilitati. Questi cookies sono volti a mantenere un buon funzionamento della navigazione o ad incrementare le funzionalità o le prestazioni del sito. Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori. C – Puoi gestire le tue preferenze sui cookies anche tramite browser Ogni browser contiene una pagina di gestione dei cookies che potrai modificare come meglio credi.

Chiudi