Isola del Piano, piccola guida di paese

Ci sono molti modi per raggiungere Isola del Piano. E tra le tante vie, la più suggestiva è senz’altro quella che parte dall’urbinate e prende a fendere i boschi delle Cesane: un piccolo serpente grigio che a stento si fa largo tra conifere, lecci, ornielli e roverelle.

Pian piano, poi, il paesaggio muta. Ad ogni tornante la natura pare appena un pochino più addomesticata che nel precedente. E, infine, tra viti e olivi, ecco dal suo poggio emergere il nostro bel castello. Un castello ancora del tutto avvolto entro possenti mura.

Veduta sul borgo di Isola del Piano
Tra una curva e l’altra, ecco d’improvviso spuntare il bel borgo

A spasso per il centro storico di Isola del Piano

Se l’intonaco ha lavato via vecchiaia e storia da gran parte delle abitazioni, se Porta Inferiore è stata abbattuta in favore di una più comoda viabilità nel corso dell’Ottocento e il Convento dei Girolamini ha dovuto subire la medesima sorte, altrettanta bellezza rimane a impreziosire le vie del borgo.

Il compito di raccontare l’importanza propria dello ieri del castello spetta alla quattrocentesca Chiesa dell’Annunziata: questa, come sovente tocca in sorte ai luoghi di fede più blasonati, è ricca di affreschi. Opere incantevoli che – in tutta onestà – non ti aspetteresti mai di scovare in un così minuto Comune, tra le quali spicca per bellezza una Madonna con Bambino attribuita a Giovanni Santi (padre di Raffaello).

Nell’edificio è inoltre conservato un eccezionale testimone della storia cittadina: si tratta di un capitello gotico, la cui iscrizione latina dice della completa distruzione del paese avvenuta nel 1284 e che vorrebbe la ghibellina Isola del Piano data alle fiamme dai riminesi, uomini al soldo di Martino IV, inviati in zona per soccorrere dei guelfi rifugiatisi a Sassocorvaro.

A ribadire il carattere medioevale di Isola del Piano ci pensa poi la splendida Porta del Monte, sorprendente gioiello in laterizio sormontato da un altrettanto peculiare campanile.

Uno sguardo merita anche la Chiesa di San Cristoforo ubicata sulla piazza cittadina. Benché la costruzione sia piuttosto recente (1905) e l’esterno alquanto anonimo, l’interno ospita delle belle tele: sarebbe davvero un peccato non lasciare l’occhio libero di curiosare per qualche attimo almeno.

Porta del Monte
Porta del Monte, un vero e proprio simbolo cittadino

Fuori le mura

Più che per i monumenti, o per i fatti sotto ad essi sepolti, oggi Isola del Piano è famosa per la sua campagna. O meglio, per i prodotti che essa – unitamente al sapere che le mani di uomini e donne hanno maturato nei secoli – sa offrire. Quella che circonda il borgo è una terra generosa, ordinata, fertile, brulicante di vita, una terra quasi interamente posta sotto un regime di agricoltura biologica.

Tra ulivi e campi di grano, di tanto in tanto fa capolino qualche pietra. Ad esempio quelle che compongono la storica frazione di Castelgagliardo. A dispetto del nome, si tratta di un borghetto minuscolo. Un castelletto che pare una miniatura, e che proprio per questo sorprende.

Ha un ché di romantico, questo luogo. Un luogo che sembra bastare a se stesso e che pure si compone unicamente d’una abitazione, di una chiesa intitolata alla Madonna del Carmine e di una possente cinta muraria dalla quale spuntano qua e là, come per una benevola insolenza, delle grosse e splendide querce.

Castelgagliardo di Isola del Piano
Il bel borghetto di Castelgagliardo cinto dalle sue mura secolari

Da non perdere poi – sulla via già percorsa che collega Isola del Piano alla Città di Urbino – l’antico Monastero di Montebello. L’edificio sacro, fondato dal Beato Pietro Gambacorta da Pisa attorno al 1380, fu il primo cenobio dei frati Girolamini, Congregazione che poi proliferò in tutto il Ducato urbinate.

A partire dal 1933 il Monastero – causa l’abolizione dell’Ordine da parte di Papa Pio XI – conobbe la desolazione propria dell’abbandono. La pietosa situazione trovò termine sul finire degli anni ’70, quando Gino Girolomoni rilevò la costruzione per farne la sede di una delle primissime cooperative agricole italiane votate al biologico.

Oggi a Montebello trovano posto un noto agriturismo e il Museo della Civiltà Contadina che, previa richiesta, rimane aperto al pubblico.

Monastero di Montebello
Il Monastero di Montebello nell’immagine fornitami dai titolari dell’ Agriturismo Girolomoni (che ringrazio)

Isola del Piano: piccolo centro, grande anima

Non c’è nessuna Statua della Libertà a Isola del Piano. E nemmeno è passato Banksy a movimentare il paesaggio urbano coi suoi colori. Eppure visitare questo castello riserva sempre delle sorprese a chi sa leggere la meraviglia nel non detto, nel non apertamente mostrato.

Isola del Piano ha saputo mantenere negli anni il suo carattere paesano e le sue tradizioni, e visitare questo minuscolo centro è un po’ come prendersi una vacanza dall’incerto presente per un tuffo – sia pure di poche ore – nel rassicurante passato vissuto dai nostri padri.

Qui espressioni come ‘comunità’, ‘prendersi cura’ e ‘rispetto’ hanno ancora un senso. E il bar (che da queste parti si chiama ancora osteria) non ospita slot machine, ma nonni che – mentre tentano un colorito commento ai fatti del tg – vengono assediati dai nipoti in attesa d’una moneta per il gelato o per il sacchetto di patatine.

L’osteria di Isola del Piano: la foto è stata scattata non più tardi del marzo 2019, ma basta un po’ di immaginazione (e un piccolo ritocco fotografico) per tornare a mezzo secolo fa. Eh sì, da queste parti ogni angoletto nasconde uno stimolo per la fantasia.

Lo si capisce subito che questo borgo è un po’ speciale, anzi, una mezza idea fa capolino già all’ingresso del paese, quando si fa notare un cartello che invita ad andare piano con l’auto. E’ un cartello che i manuali di scuola guida non contemplano e che raccomanda: “RALLENTATE! QUI I BAMBINI GIOCANO ANCORA IN STRADA!”.

A dire di quella di Isola del Piano come di una popolazione gentile e attenta all’altro vi sono poi le maniere, il buongiorno che tutti hanno in bocca e il piccolo scaffale di libri da prendere in prestito accessibile a chiunque.

Piccole cose, insomma. Piccole cose che per me valgono un Louvre.

Buona visita.

Non sono esattamente uno spettacolo mozzafiato, ma il cartello alle mie spalle… quello sì, è proprio bello.

Potrebbero interessarti anche...

2 Risposte

  1. Maria Antonia Salimbeni ha detto:

    Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

CONTENUTI ilfederico.com non è una testata giornalistica dal momento che gli aggiornamenti non seguono alcuna cadenza fissa. Pertanto, ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001, non può in alcun modo considerarsi un prodotto editoriale. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti dei singoli articoli. I responsabili di ilfederico.com, secondo il loro insindacabile giudizio, si riservano il diritto di eliminare tutti quegli interventi apportati dagli utenti ritenuti offensivi, razzisti o non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Le informazioni contenute in questo blog potrebbero contenere inesattezze, ancorché commesse senza intenzionalità. Gli autori del sito non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo. TRATTAMENTO DATI PERSONALI Ai sensi del Dlgs. 196/2003, recante “Codice in materia di protezione dei dati personali”, il trattamento dei dati personali sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della riservatezza e dei diritti. Ai sensi dell’articolo 13 del predetto Decreto, informiamo che: a) Il trattamento dei dati viene effettuato nel rispetto dei limiti e delle condizioni previste dalla legge, con le seguenti modalità: strumenti automatizzati, inclusi quelli elettronici e telematici. b) Il conferimento dei dati ha natura facoltativa. c) La mancata disponibilità totale o parziale dei dati può comportare l’impossibilità a perseguire la predetta finalità. d) Soggetti e categorie di soggetti ai quali i dati potranno essere comunicati e ambito di diffusione dei dati. I dati di cui sopra, nel rispetto delle finalità sopra indicate, verranno comunicati ai soggetti di seguito indicati: soggetti pubblici e privati per gli adempimenti previsti da ogni norma di legge o da disposizioni contrattuali. I dati non sono oggetto di diffusione. In ogni momento potrai esercitare i tuoi diritti nei confronti dei titolari del trattamento, ai sensi dell’articolo 8 D.Lgs. 196/2003. Restano salvi i diritti di cui all’articolo 7 del Dlgs. 196/2003. e) Titolarità del trattamento e richiesta informazioni ◾I Titolari del trattamento sono Gaetano Tripolone – Via Calzoppo 22/a 61026 Piandimeleto PU tel 0722 710007 – e Marco Toccacieli – Viale Trento 269, 61121 Pesaro f) Responsabili del trattamento ◾I Titolari del trattamento sono Gaetano Tripolone – Via Calzoppo 22/a 61026 Piandimeleto PU tel 0722 710007 – e Marco Toccacieli – Viale Trento 269, 61121 Pesaro INFORMATIVA E GESTIONE DEI COOKIES Cosa sono i cookies? I cookies sono files di testo che i siti visitati dall’utente inviano al terminale dello stesso– computer, smartphone e così via – dove vengono archiviati e poi ritrasmessi agli stessi siti in occasione della successiva visita del medesimo utente. Navigando su ilfederico.com, potrai ricevere solo cookies inviati direttamente dal nostro sito. A – Cookies utilizzati dal presente sito web I cookies vengono utilizzati con strumenti elettronici e ogni tipologia ha una sua funzione specifica. I cookies tecnici vengono utilizzati senza necessità di consenso da parte dell’utente, ma possono essere disabilitati (vedi in seguito). In ogni momento, a norma del d. lgs. 196/03, l’utente – potrà ottenere, previa richiesta inviata all’indirizzo email info(chiocciola)ilfederico.com, la conferma dell’esistenza del trattamento dei dati in questione e delle finalità dello stesso, l’indicazione dell’origine dei dati, l’indicazione della logica applicata al trattamento, l’indicazione di tutti gli elementi sopra elencati, nonché: l’aggiornamento, la rettifica, l’integrazione dei dati; la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge. Su questo sito non vengono utilizzati cookie di profilazione. Per maggiori informazioni sui cookies si veda questa pagina: https://it.wikipedia.org/wiki/Cookie B – Cookies tecnici I cookies tecnici vengono utilizzati senza necessità di consenso da parte dell’utente, ma possono essere disabilitati. Questi cookies sono volti a mantenere un buon funzionamento della navigazione o ad incrementare le funzionalità o le prestazioni del sito. Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori. C – Puoi gestire le tue preferenze sui cookies anche tramite browser Ogni browser contiene una pagina di gestione dei cookies che potrai modificare come meglio credi.

Chiudi