VISITARE LA CHIESA DEI MORTI DI URBANIA

E’ il 1380 quando un uomo, Cola de Cecco, decide di erigere un piccolo oratorio presso l’antica Casteldurante, cittadina oggi conosciuta come Urbania. Al luogo di culto viene assegnato l’appellativo di Cappella Cola, ma nel corso degli anni questo muta nel ben più suggestivo Chiesa dei Morti. Andiamo a scoprirne il perché.

Dalla fondazione della Confraternita della Buona Morte alla macabra scoperta.

Il 1567, per la Confraternita della Buona Morte di Urbania, è l’anno che segna l’avvio delle attività. I confratelli, caritatevolmente, donano sostegno ai moribondi e a coloro che si trovano nella dolorosa situazione di dover attendere il boia che scriverà la parola fine sulle loro vite.

Questi uomini generosi non tralasciano tuttavia i defunti, occupandosi gratuitamente del trasporto e della sepoltura. E’ il retro della minuta Cappella Cola il luogo scelto per essere adibito a cimitero.

All’inizio dell’800, per volere di Napoleone Bonaparte, viene promulgato l’editto di Saint Cloud. Questo, per ragioni sanitarie, prevede che i defunti vengano seppelliti fuori dai centri abitati e che le salme ospitate nei vecchi cimiteri vengano traslate in quelli nuovi. Ed è così che, occhi sgranati e vanga in mano, gli increduli operai addetti alla riesumazione vedono tornare alla luce corpi perfettamente conservati.

La teoria scientifica più accreditata vuole che le cause di questa mummificazione naturale siano da ricercarsi nelle particolari condizioni climatiche e geologiche del terreno urbaniese e nella presenza di una particolare muffa nel sottosuolo, la Hipha bombicina pers. A quanto pare, le prime hanno garantito una costante aereazione dei corpi, mentre la seconda ha agito come una sorta di antibiotico (inibendo la proliferazione di batteri) ed ha altresì provocato l’essicazione. Il risultato è qualcosa di sbalorditivo. E allora torniamo alla nostra cappella e diamo un’occhiata da vicino all’incredibile.

Chiesa dei morti di Urbania, esterno

Chiesa dei morti di Urbania, esterno

La Chiesa dei Morti di Urbania e le sue Mummie.

L’unica sfortuna possibile per una cosa interessante è quella di essere troppo vicina a qualcosa di ancora più interessante. Ed è così che le migliaia di visitatori che ogni anno accorrono a vedere la Chiesa dei Morti di Urbania, ben sapendo cosa li attenderà di lì a poco, non gettano che uno sguardo fuggevole al bel portale gotico in pietra rosata. La medesima disattenzione tocca in sorte al pregevole dipinto della Decollazione di San Giovanni Battista situato nei pressi dell’altare maggiore e a quello sulla parete di sinistra che ritrae il Martirio di Santa Lucia. Queste due opere d’arte sono attribuite rispettivamente a Giustino Episcopi e a Giorgio Picchi.

In effetti è dal 1833, anno in cui il luogo di culto prende a chiamarsi Chiesa dei Morti, che il piatto forte viene servito nel vano che sta dietro l’altare. Qui, protetti da teche di vetro, sono esposti i corpi mummificati di dodici uomini e sei donne, alcuni con tanto di pelle, unghie e capelli.

Dettaglio macabro è il cuore trafitto di una salma custodita presso la Chiesa dei Morti di Urbania

Dettaglio macabro è il cuore trafitto di una salma custodita presso la Chiesa dei Morti di Urbania

Ogni ospite del Museo-Cimitero ha una storia da raccontare. Tra le salme troviamo quelle dell’impiccato e del sacerdote ammazzato dall’ipercolerolemia. Da brividi quelle della donna uccisa da un cesareo decisamente troppo profondo e del sepolto vivo, morto soffocato o forse di paura, con ancora scolpito sul viso il raccapricciante ghigno sardonico di chi comprende di non avere più scampo. Ci sono poi il ragazzo investito da un carro e quello pugnalato durante una festa da ballo, di cui ancora è conservato il cuore trafitto.

Alzando gli occhi si notano teschi poggiati sulle teche. Una marea di teschi che sembra osservare il visitatore e voler ricordare lui qualcosa. Un qualcosa di molto simile alle parole di Louis-Ferinand Céline, ovvero che “nella Storia dei Tempi, la vita non è che un’ebbrezza, la Verità è la Morte”.

Tre mummie particolari.

Se buona parte delle informazioni circa gli ospiti della Chiesa dei Morti di Urbania è dovuta alla moderna scienza, è altresì vero che in passato un altro uomo ha cercato di svelare il mistero della sorprendente conservazione delle salme. Si tratta di Vincenzo Piccini. Costui ,medico farmacista, nonché priore della Confraternita, assiste alla riesumazione dei cadaveri e si convince che corpi a tal punto inalterati nella sembianze non possono che essere stati sottoposti ad una qualche alchimia. Decide allora di mettere a punto degli intrugli e dispone che allo spegnersi della vita le sue spoglie, al pari di quelle della moglie e del figlio, vengano con essi trattate.

Oggi il corpo del Piccini, riconoscibile perché l’unico ad essere vestito della tunica bianca e nera delle cerimonie funebri, è custodito nella medesima chiesa assieme a quelli dei famigliari. Il suo non si può definire un totale buco nell’acqua, dal momento che la mummificazione è in effetti avvenuta, ma le tre salme risultano più chiare e peggio conservate delle altre.

Potrebbero interessarti anche...

2 Risposte

  1. Mirella ha detto:

    Ho visitato la chiesa dei morti di Urbania molti anni fa. Un’esperienza che rifarei, nonostante il pugno allo stomaco che provoca la vista delle mummie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

CONTENUTI ilfederico.com non è una testata giornalistica dal momento che gli aggiornamenti non seguono alcuna cadenza fissa. Pertanto, ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001, non può in alcun modo considerarsi un prodotto editoriale. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti dei singoli articoli. I responsabili di ilfederico.com, secondo il loro insindacabile giudizio, si riservano il diritto di eliminare tutti quegli interventi apportati dagli utenti ritenuti offensivi, razzisti o non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Le informazioni contenute in questo blog potrebbero contenere inesattezze, ancorché commesse senza intenzionalità. Gli autori del sito non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo. TRATTAMENTO DATI PERSONALI Ai sensi del Dlgs. 196/2003, recante “Codice in materia di protezione dei dati personali”, il trattamento dei dati personali sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della riservatezza e dei diritti. Ai sensi dell’articolo 13 del predetto Decreto, informiamo che: a) Il trattamento dei dati viene effettuato nel rispetto dei limiti e delle condizioni previste dalla legge, con le seguenti modalità: strumenti automatizzati, inclusi quelli elettronici e telematici. b) Il conferimento dei dati ha natura facoltativa. c) La mancata disponibilità totale o parziale dei dati può comportare l’impossibilità a perseguire la predetta finalità. d) Soggetti e categorie di soggetti ai quali i dati potranno essere comunicati e ambito di diffusione dei dati. I dati di cui sopra, nel rispetto delle finalità sopra indicate, verranno comunicati ai soggetti di seguito indicati: soggetti pubblici e privati per gli adempimenti previsti da ogni norma di legge o da disposizioni contrattuali. I dati non sono oggetto di diffusione. In ogni momento potrai esercitare i tuoi diritti nei confronti dei titolari del trattamento, ai sensi dell’articolo 8 D.Lgs. 196/2003. Restano salvi i diritti di cui all’articolo 7 del Dlgs. 196/2003. e) Titolarità del trattamento e richiesta informazioni ◾I Titolari del trattamento sono Gaetano Tripolone – Via Calzoppo 22/a 61026 Piandimeleto PU tel 0722 710007 – e Marco Toccacieli – Viale Trento 269, 61121 Pesaro f) Responsabili del trattamento ◾I Titolari del trattamento sono Gaetano Tripolone – Via Calzoppo 22/a 61026 Piandimeleto PU tel 0722 710007 – e Marco Toccacieli – Viale Trento 269, 61121 Pesaro INFORMATIVA E GESTIONE DEI COOKIES Cosa sono i cookies? I cookies sono files di testo che i siti visitati dall’utente inviano al terminale dello stesso– computer, smartphone e così via – dove vengono archiviati e poi ritrasmessi agli stessi siti in occasione della successiva visita del medesimo utente. Navigando su ilfederico.com, potrai ricevere solo cookies inviati direttamente dal nostro sito. A – Cookies utilizzati dal presente sito web I cookies vengono utilizzati con strumenti elettronici e ogni tipologia ha una sua funzione specifica. I cookies tecnici vengono utilizzati senza necessità di consenso da parte dell’utente, ma possono essere disabilitati (vedi in seguito). In ogni momento, a norma del d. lgs. 196/03, l’utente – potrà ottenere, previa richiesta inviata all’indirizzo email info(chiocciola)ilfederico.com, la conferma dell’esistenza del trattamento dei dati in questione e delle finalità dello stesso, l’indicazione dell’origine dei dati, l’indicazione della logica applicata al trattamento, l’indicazione di tutti gli elementi sopra elencati, nonché: l’aggiornamento, la rettifica, l’integrazione dei dati; la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge. Su questo sito non vengono utilizzati cookie di profilazione. Per maggiori informazioni sui cookies si veda questa pagina: https://it.wikipedia.org/wiki/Cookie B – Cookies tecnici I cookies tecnici vengono utilizzati senza necessità di consenso da parte dell’utente, ma possono essere disabilitati. Questi cookies sono volti a mantenere un buon funzionamento della navigazione o ad incrementare le funzionalità o le prestazioni del sito. Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori. C – Puoi gestire le tue preferenze sui cookies anche tramite browser Ogni browser contiene una pagina di gestione dei cookies che potrai modificare come meglio credi.

Chiudi