LA ROCCA UBALDINESCA DI SASSOCORVARO

Il Duca Federico non è semplicemente un eccellente capitano di ventura, è molto di più: è un impresario della guerra. Il Signore di Urbino, infatti, assieme a quella che oggi potremmo definire la sua “azienda bellica”, non si limita a condurre operazioni militari su richiesta, ma è in grado di fornire eserciti formati ed equipaggiati e saprebbe apportare anche comprovate conoscenze di architettura militare nel caso in cui il committente abbia necessità di rivedere le sue strutture di difesa. Non è solamente per proteggere il territorio, dunque, che il nord delle Marche ospita tutti questi castelli: le imponenti e sublimi strutture militari testimoniano la profonda sapienza del duca e della sua squadra in ambito bellico. E per essere i primi della classe, per essere all’avanguardia, è necessario sperimentare. Ma non sempre gli esperimenti vanno a buon fine. E questo è il caso della Rocca Ubaldinesca di Sassocorvaro.

La Rocca Ubaldinesca di Sassocorvaro

La Rocca Ubaldinesca di Sassocorvaro

La Rocca Ubaldinesca di Sassocorvaro, un meraviglioso fallimento.

Uno degli uomini a cui il duca è più legato è senza dubbio il conte Ottaviano degli Ubaldini, tant’è vero che è costui ad assumere la reggenza dello Stato, ad amministrare il denaro e a ricevere gli ambasciatori quando Federico è assente. Non stupisce quindi che attorno al 1470 il Signore di Urbino affidi al suo braccio destro Ottaviano lo strategico borgo di Sassocorvaro, ordinandogli, inoltre, di fortificarlo con l’aiuto dell’architetto senese Francesco di Giorgio Martini.

Francesco si trova subito a dover fare i conti con diverse problematiche.

Per prima cosa, Federico non è uomo attento solo alle cose pratiche, ma è anche un esteta. La rocca non dovrà essere allora soltanto funzionale, dovrà anche essere bella.

In secondo luogo, c’è da accontentare il committente vero e proprio, Ottaviano degli Ubaldini. Il conte, però, non è un cliente facile. Egli, oltre a essere un letterato e un filosofo, è anche un astrologo e un grande appassionato di esoterismo: non è sufficiente che la struttura sia a metà strada tra fortezza e palazzo signorile, Ottaviano è ben deciso a darle la forma di una tartaruga, simbolo alchemico di forza e durevolezza.

La pianta della Rocca Ubaldinesca di Sassocorvaro che evidenzia una caratteristica forma 'a tartaruga'

La pianta della Rocca Ubaldinesca di Sassocorvaro che evidenzia una caratteristica forma ‘a tartaruga’

Infine all’architetto è richiesto di centrare un obiettivo ambizioso: realizzare il primo fortilizio resistente a una nuova e terribile arma detta “bombarda”. E per raggiungere lo scopo, Francesco costruisce la rocca con l’idea di rendere le mura che dovranno opporsi agli assalti continuamente sfuggenti. In pratica egli è convinto che un’arma da fuoco produrrà più danni colpendo una superficie piatta piuttosto che una superficie convessa o, detto più semplicemente, a pancia.

Tuttavia, la fortezza non è ancora terminata che il senese si rende conto che a tanta bellezza non fa da contraltare altrettanta efficienza bellica: le forme tondeggianti impediscono una buona visibilità e riducono di molto la possibilità difensiva.

Dal punto di vista militare, dunque, la Rocca di Sassocorvaro è un vero e proprio insuccesso, un fallimento che Francesco di Giorgio Martini si guarderà bene dal citare nei suoi trattati. Ma sono proprio quelle sue forme “sbagliate” a differenziare il fortilizio di Sassocorvaro da tutti gli altri capolavori dell’architetto senese, rendendolo unico e stravagante.

Busto raffigurante Francesco di Giorgio Martini posto all'ingresso della Rocca Ubaldinesca

Busto raffigurante Francesco di Giorgio Martini posto all’ingresso della Rocca Ubaldinesca

Un’inaspettata rivincita per la Rocca Ubaldinesca di Sassocorvaro.

La Rocca Ubaldinesca, quasi fonte di imbarazzo per il suo ideatore, prende la sua rivincita cinque secoli dopo la costruzione. E’ il 1939 quando il professore Pasquale Rotondi, su incarico del ministero dei beni culturali, compie un gran numero di viaggi sulla sua Balilla per celare dietro le forti mura del castello una quantità incredibile di opere d’arte, ovvero quello che l’Italia ha di più prezioso. E’ con pochissimi mezzi e grande coraggio che Rotondi porta a compimento la sua missione top secret, detta “Operazione Salvataggio”, salvando dalla brutalità della guerra opere di artisti come Caravaggio, Botticelli, Piero della Francesca, Raffaello, Mantegna, Leonardo, Rubens, Canaletto e tanti altri.

Ma la Rocca di Sassocorvaro non è famosa solo tra gli appassionati di storia, è ben conosciuta anche negli ambienti esoterici. Sono numerosi i sensitivi che affermano, entrando al suo interno, di percepire rumori di battaglia. Inoltre si dice che il fortilizio sia abitato da due spiriti: il primo potrebbe essere quello di Corrado Cariati, ucciso a tradimento dai Malatesta e poi sepolto nell’edificio stesso; il secondo si racconta sia quello di Elisabetta Valentini, accusata di tradimento e uccisa a colpi di pugnale dal marito.

Come se tutto ciò non bastasse a rendere il castello uno dei più caratteristici, c’è da annotare anche un’altra curiosità, il piccolo teatro realizzato al suo interno sul finire dell’Ottocento.

Potrebbero interessarti anche...

2 Risposte

  1. Mirella ha detto:

    Grazie, Federico. Grazie per avermi fatto conoscere per davvero un luogo che vedo tutti i giorni ma che non ho mai considerato speciale come merita. Perchè questo ho capito essere la rocca ubaldinesca di Sassocorvaro: un luogo unico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

CONTENUTI ilfederico.com non è una testata giornalistica dal momento che gli aggiornamenti non seguono alcuna cadenza fissa. Pertanto, ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001, non può in alcun modo considerarsi un prodotto editoriale. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti dei singoli articoli. I responsabili di ilfederico.com, secondo il loro insindacabile giudizio, si riservano il diritto di eliminare tutti quegli interventi apportati dagli utenti ritenuti offensivi, razzisti o non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Le informazioni contenute in questo blog potrebbero contenere inesattezze, ancorché commesse senza intenzionalità. Gli autori del sito non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo. TRATTAMENTO DATI PERSONALI Ai sensi del Dlgs. 196/2003, recante “Codice in materia di protezione dei dati personali”, il trattamento dei dati personali sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della riservatezza e dei diritti. Ai sensi dell’articolo 13 del predetto Decreto, informiamo che: a) Il trattamento dei dati viene effettuato nel rispetto dei limiti e delle condizioni previste dalla legge, con le seguenti modalità: strumenti automatizzati, inclusi quelli elettronici e telematici. b) Il conferimento dei dati ha natura facoltativa. c) La mancata disponibilità totale o parziale dei dati può comportare l’impossibilità a perseguire la predetta finalità. d) Soggetti e categorie di soggetti ai quali i dati potranno essere comunicati e ambito di diffusione dei dati. I dati di cui sopra, nel rispetto delle finalità sopra indicate, verranno comunicati ai soggetti di seguito indicati: soggetti pubblici e privati per gli adempimenti previsti da ogni norma di legge o da disposizioni contrattuali. I dati non sono oggetto di diffusione. In ogni momento potrai esercitare i tuoi diritti nei confronti dei titolari del trattamento, ai sensi dell’articolo 8 D.Lgs. 196/2003. Restano salvi i diritti di cui all’articolo 7 del Dlgs. 196/2003. e) Titolarità del trattamento e richiesta informazioni ◾I Titolari del trattamento sono Gaetano Tripolone – Via Calzoppo 22/a 61026 Piandimeleto PU tel 0722 710007 – e Marco Toccacieli – Viale Trento 269, 61121 Pesaro f) Responsabili del trattamento ◾I Titolari del trattamento sono Gaetano Tripolone – Via Calzoppo 22/a 61026 Piandimeleto PU tel 0722 710007 – e Marco Toccacieli – Viale Trento 269, 61121 Pesaro INFORMATIVA E GESTIONE DEI COOKIES Cosa sono i cookies? I cookies sono files di testo che i siti visitati dall’utente inviano al terminale dello stesso– computer, smartphone e così via – dove vengono archiviati e poi ritrasmessi agli stessi siti in occasione della successiva visita del medesimo utente. Navigando su ilfederico.com, potrai ricevere solo cookies inviati direttamente dal nostro sito. A – Cookies utilizzati dal presente sito web I cookies vengono utilizzati con strumenti elettronici e ogni tipologia ha una sua funzione specifica. I cookies tecnici vengono utilizzati senza necessità di consenso da parte dell’utente, ma possono essere disabilitati (vedi in seguito). In ogni momento, a norma del d. lgs. 196/03, l’utente – potrà ottenere, previa richiesta inviata all’indirizzo email info(chiocciola)ilfederico.com, la conferma dell’esistenza del trattamento dei dati in questione e delle finalità dello stesso, l’indicazione dell’origine dei dati, l’indicazione della logica applicata al trattamento, l’indicazione di tutti gli elementi sopra elencati, nonché: l’aggiornamento, la rettifica, l’integrazione dei dati; la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge. Su questo sito non vengono utilizzati cookie di profilazione. Per maggiori informazioni sui cookies si veda questa pagina: https://it.wikipedia.org/wiki/Cookie B – Cookies tecnici I cookies tecnici vengono utilizzati senza necessità di consenso da parte dell’utente, ma possono essere disabilitati. Questi cookies sono volti a mantenere un buon funzionamento della navigazione o ad incrementare le funzionalità o le prestazioni del sito. Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori. C – Puoi gestire le tue preferenze sui cookies anche tramite browser Ogni browser contiene una pagina di gestione dei cookies che potrai modificare come meglio credi.

Chiudi