LA STORIA DI FOLIA E MUTINO

Folìa e Mutino, la leggenda del fiume Foglia.

E’ dalle parti di Monte Sasso Aguzzo che il Foglia trova la vita.

Le sue acque, prima di arrivare a Pesaro e tuffarsi stanche nell’azzurro dell’Adriatico, accarezzano le terre di Sestino, Belforte, Piandimeleto, Lunano, Sassocorvaro, Auditore, Montecalvo, Montelabbate e Vallefoglia; terre che come una madre nutre.

Se è risaputo che il fiume si chiamava anticamente Isaurum, meno noto è come il suo nome sia cambiato d’un tratto in quello di Foglia. Diverse sono le spiegazioni date, ma nessuna davvero convincente… e allora, fantasia per fantasia, mi piace pensare che la responsabilità sia di una vecchia leggenda, quella di Folìa e Mutino, le cui parole ho trovato ancora impresse entro pagine ingiallite dagli anni e nella memoria tenace di qualche anziano.

A quanto si dice, v’era un tempo in cui le genti degli abitati di Lunano e Piandimeleto avevano gli occhi colmi d’incanto; l’incanto viveva in un luogo chiamato La Cupa e, soprattutto, aveva un nome: quello di Folìa.

Folìa era una giovane dedita alla magia, – una ninfa fluviale, per la tradizione – il cui viso, bellissimo, veniva incorniciato da una fluente chioma corvina, chioma che scendeva fino ad accarezzare il lungo collo da cigno e poi giù, nel tentativo vano di coprire le seducenti forme del corpo.

Un ragazzo che abitava i boschi della Cantoniera e aveva nome Mutino, decise di cambiare la sua abitudine di bagnarsi nelle acque del Marecchia e di tuffarsi, almeno per una sera, in quelle dell’Isauro, proprio dalle parti della Cupa. Ed è qui che Folìa e Mutino si incontrarono per la prima volta, dove i loro corpi si unirono nella passione e le loro anime in un amore eterno.

Ma l’amore fa sognare ad occhi aperti e la mente, a galoppo del cuore, arriva in luoghi meravigliosi e lontani, decisamente troppo lontani dalle mani e dalle incombenze pratiche. Fu così che Folìa, distratta, commise un errore nella realizzazione di un filtro d’amore che le era stato commissionato. Quando assaggiò l’intruglio per verificarne la bontà, di colpo i suoi capelli si ingrigirono, la carne avvizzì e le ossa si curvarono tremendamente: l’affascinante maga era divenuta una strega orribile!

Folìa tentò di rimediare, ma il guaio in cui si era ficcata era decisamente più grande di lei e delle sue capacità: nessun tentativo le restituì le precedenti, meravigliose, sembianze.

Prigioniera di quel corpo terrificante, colma di vergogna e disperazione, Folia si nascose alla vista di tutti.

Ogni sera, per anni, le grida disperate di Mutino cercarono Folìa.

Ogni sera, per anni, quelle grida graffiarono le orecchie e l’anima della poverella, che non rispondeva mai e sempre il pianto rompeva in singhiozzi.

Piangeva ed era sempre più triste e innamorata, Folìa.

La volta che pianse più forte fu quando decise che senza Mutino non poteva vivere, ma non era la morte a rattristarla, bensì il pensiero di perdere una volta per tutte il ricordo del suo amante.

E poi capì. Capì che in un amore vero ci sono anche le lacrime, e una lacrima era ciò che mancava al suo filtro d’amore.

Folìa preparò di nuovo, affannosamente, la pozione magica, ne bevve, e tornò bella come prima. Forse ancor di più.

I due giovani amanti tornarono assieme e per sancire definitivamente l’unione diedero i loro nomi al fiume Foglia e all’affluente Mutino.

Ancora oggi le acque del Foglia e del Mutino si cercano e si sfiorano come dita di amanti, si uniscono a divenire la stessa cosa e, gioiosamente, corrono fino al mare, insieme, verso l’immenso.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

CONTENUTI ilfederico.com non è una testata giornalistica dal momento che gli aggiornamenti non seguono alcuna cadenza fissa. Pertanto, ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001, non può in alcun modo considerarsi un prodotto editoriale. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti dei singoli articoli. I responsabili di ilfederico.com, secondo il loro insindacabile giudizio, si riservano il diritto di eliminare tutti quegli interventi apportati dagli utenti ritenuti offensivi, razzisti o non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Le informazioni contenute in questo blog potrebbero contenere inesattezze, ancorché commesse senza intenzionalità. Gli autori del sito non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo. TRATTAMENTO DATI PERSONALI Ai sensi del Dlgs. 196/2003, recante “Codice in materia di protezione dei dati personali”, il trattamento dei dati personali sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della riservatezza e dei diritti. Ai sensi dell’articolo 13 del predetto Decreto, informiamo che: a) Il trattamento dei dati viene effettuato nel rispetto dei limiti e delle condizioni previste dalla legge, con le seguenti modalità: strumenti automatizzati, inclusi quelli elettronici e telematici. b) Il conferimento dei dati ha natura facoltativa. c) La mancata disponibilità totale o parziale dei dati può comportare l’impossibilità a perseguire la predetta finalità. d) Soggetti e categorie di soggetti ai quali i dati potranno essere comunicati e ambito di diffusione dei dati. I dati di cui sopra, nel rispetto delle finalità sopra indicate, verranno comunicati ai soggetti di seguito indicati: soggetti pubblici e privati per gli adempimenti previsti da ogni norma di legge o da disposizioni contrattuali. I dati non sono oggetto di diffusione. In ogni momento potrai esercitare i tuoi diritti nei confronti dei titolari del trattamento, ai sensi dell’articolo 8 D.Lgs. 196/2003. Restano salvi i diritti di cui all’articolo 7 del Dlgs. 196/2003. e) Titolarità del trattamento e richiesta informazioni ◾I Titolari del trattamento sono Gaetano Tripolone – Via Calzoppo 22/a 61026 Piandimeleto PU tel 0722 710007 – e Marco Toccacieli – Viale Trento 269, 61121 Pesaro f) Responsabili del trattamento ◾I Titolari del trattamento sono Gaetano Tripolone – Via Calzoppo 22/a 61026 Piandimeleto PU tel 0722 710007 – e Marco Toccacieli – Viale Trento 269, 61121 Pesaro INFORMATIVA E GESTIONE DEI COOKIES Cosa sono i cookies? I cookies sono files di testo che i siti visitati dall’utente inviano al terminale dello stesso– computer, smartphone e così via – dove vengono archiviati e poi ritrasmessi agli stessi siti in occasione della successiva visita del medesimo utente. Navigando su ilfederico.com, potrai ricevere solo cookies inviati direttamente dal nostro sito. A – Cookies utilizzati dal presente sito web I cookies vengono utilizzati con strumenti elettronici e ogni tipologia ha una sua funzione specifica. I cookies tecnici vengono utilizzati senza necessità di consenso da parte dell’utente, ma possono essere disabilitati (vedi in seguito). In ogni momento, a norma del d. lgs. 196/03, l’utente – potrà ottenere, previa richiesta inviata all’indirizzo email info(chiocciola)ilfederico.com, la conferma dell’esistenza del trattamento dei dati in questione e delle finalità dello stesso, l’indicazione dell’origine dei dati, l’indicazione della logica applicata al trattamento, l’indicazione di tutti gli elementi sopra elencati, nonché: l’aggiornamento, la rettifica, l’integrazione dei dati; la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge. Su questo sito non vengono utilizzati cookie di profilazione. Per maggiori informazioni sui cookies si veda questa pagina: https://it.wikipedia.org/wiki/Cookie B – Cookies tecnici I cookies tecnici vengono utilizzati senza necessità di consenso da parte dell’utente, ma possono essere disabilitati. Questi cookies sono volti a mantenere un buon funzionamento della navigazione o ad incrementare le funzionalità o le prestazioni del sito. Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori. C – Puoi gestire le tue preferenze sui cookies anche tramite browser Ogni browser contiene una pagina di gestione dei cookies che potrai modificare come meglio credi.

Chiudi