L’arte delle Monete nel Ducato di Urbino: ‘ad ogni Duca la sua moneta’

Percorrere la Provincia di Pesaro-Urbino in lungo e in largo, dar modo agli occhi di archiviare immagini di borghi straordinari e alle orecchie di cogliere il sussurro di una natura a volte amica e a volte no, mettermi in cammino con l’idea di ricalcare i passi di uomini e donne che un qualche fatto ha reso più o meno celebri: questo è quello che mi piace fare (e se segui il blog da un pochino certamente te ne sarai accorto).

Oggi però ho voglia di un qualcosa di nuovo, di un viaggio del tutto differente dal solito: un viaggio nella storia del Ducato urbinate da percorrere tutto d’un fiato attraverso le sue monete più importanti e rappresentative.

Un sentiero certo impegnativo, quello che mi aspetta, e che mi vede sprovvisto finanche del più basilare dei mezzi: ecco perchè ho deciso di affidarmi ad una guida d’eccezione, una guida che di nome fa Marco Pedoni e che è l’ideatore del gruppo facebook ‘ Le monete del Ducato di Urbino e del Montefeltro ‘ (se ti va di iscriverti al gruppo o di avere maggiori informazioni, fai un salto QUI).

Bene, il viaggio comincia. Lascio la parola a Marco e prendo a seguirlo. E tu che fai, vieni con noi?

Le Monete del Ducato di Urbino

Le monete dei Montefeltro e dei Della Rovere ci offrono una nuova opportunità di scoprire e di riappropriarci di una Storia dell’Arte del Ducato di Urbino.

Le Zecche ufficiali erano dislocate ad Urbino, Pesaro, Gubbio, Casteldurante, Senigallia e Fossombrone. Erano aperte, una per volta, a rotazione. I ferri e gli strumenti della Zecca, insieme ai coni e ai punzoni delle monete, erano di proprietà del Duca e venivano trasferiti, a seconda della necessità, nei locali della Zecca di volta in volta selezionata. La Zecca di Pesaro è stata quella maggiormente attiva rispetto alle altre, perché i Duchi, soprattutto Francesco Maria II, la prediligevano come città di residenza e di rappresentanza.

Le monete sono pezzi di storia, pura testimonianza di società passate. Sono come documenti che attraverso la numismatica (che studia le monete in ogni suo particolare) ci restituiscono infinite informazioni sulla cultura di un popolo e del suo sovrano. Come un’opera d’arte, la moneta ci dà l’idea del gusto e della tecnica, permettendoci di ricostruire l’ambito culturale dell’epoca, il suo come e il suo perché.

La corti dei Montefeltro e dei Della Rovere furono per cultura e realizzazioni artistiche tra le più splendide del Rinascimento, anche per quello che riguarda le monete prodotte.

Una mappa delle Zecche dell’antico Ducato di Urbino

Le monete dei Montefeltro

Guidantonio – Conte di Urbino e duca di spoleto, figlio di Antonio Novello – fu il primo della famiglia Montefeltro a dare avvio alla coniazione di monete grazie alla concessione da parte di Papa Martino V.

Alcune delle monete coniate sotto il Conte Guidantonio tra il 1404 e il 1442

Figlio di Guidantonio, Oddantonio fu il primo dei Montefeltro a potersi fregiare del titolo di Duca di Urbino, onoreficenza concessa nel 1443 da Papa Eugenio IV.

Figlio naturale del conte Guidantonio, succeduto al fratello Oddantonio alla Signoria di Urbino nel 1444, Federico da Montefeltro trasformò il Ducato di Urbino in un importantissimo centro artistico e culturale, in Italia secondo
solo a quello di Lorenzo il Magnifico (suo nemico) a Firenze.

Di Federico esiste un solo esemplare di moneta con ritratto (Mezza Lira in figura sotto) e si trova al Museo Correr di Venezia.

Questa moneta riporta i titoli di Duca di Urbino, di Capitano Generale e di Gonfaloniere di Santa Romana Chiesa che, a quel tempo, erano due tra le più importanti nomine pontificie che si potessero ricevere, in questo caso concesse da Pio II e Paolo II.

La carica di Gonfaloniere era un’antica e illustrissima onorificenza conferita dalla Santa Sede che i sommi Pontefici conferivano a sovrani, principi e distinti personaggi ritenuti meritevoli di custodire il gonfalone della Romana Chiesa, simboleggiato con delle chiavi incrociate, insegna della Sede Apostolica.

L’emissione di questa moneta è da considerarsi eccezionale, a celebrazione dell’importante avvenimento.

Tra le monete dei Montefeltro, molto ricercate dagli estimatori sono quelle coniate all’epoca di Federico (duca dal 1444 al 1482).

Figlio di Federico e di Battista Sforza, Guidobaldo da Montefeltro succedette al padre all’età di dieci anni, rimanendo sotto la tutela del cugino Ottaviano degli Ubaldini fino al raggiungimento della maggiore età. Perdette e riacquistò due volte (1502-03) il suo Ducato, mantenendone definitivamente il possesso dopo la morte di Alessandro VI. Non avendo avuto figli dalla moglie Elisabetta Gonzaga, adottò (1504) il nipote Francesco Maria Della Rovere.

Alcune delle monete prodotte nel periodo in cui il Ducato fu amministrato da Guidobaldo (1482-1508)

Le monete dei Della Rovere

Francesco Maria I Della Rovere nacque nel 1490 da Giovanni della Rovere, Prefetto di Roma, e da Giovanna, figlia di Federico da Montefeltro. Nel 1508, estinta la discendenza dei “Da Montefeltro”, Francesco Maria divenne signore di Urbino.

Osservando la successione dei tipi di monete emessi dalle diverse Zecche ducali, vediamo un’evoluzione di gusto, passando da una tradizione medievale, alle rappresentazioni dei vari Santi protettori, alla quale erano particolarmente legati i vari signori, fino ad arrivare al ritratto, che segna l’inizio di una grande innovazione della monetazione italiana rinascimentale. Il ritratto sulla moneta diventa simbolo di potere che il Signore si è conquistato. E quale migliore mezzo delle monete, che passano di mano in mano e che venivano custodite gelosamente!

Francesco Maria fu duca d’Urbino tra il 1508 e il 1516 e poi, di nuovo, tra il 1521 e il 1538. Queste alcune delle monete realizzate durante il suo periodo di governo.

Guidobaldo II Della Rovere fu un condottiero piuttosto noto tra i suoi contemporanei, figlio di Francesco Maria I della Rovere e di Eleonora Gonzaga. Trascorse la maggior parte della vita a Pesaro, sua città prediletta, dove fu Mecenate di artisti e letterati, e fece di quella cittadina una delle corti più raffinate e splendide del Rinascimento.

Alcune delle monete coniate tra il 1538 e il 1574

Figlio di Guidobaldo II e Vittoria Farnese, Francesco Maria II Della Rovere è stato un condottiero rinascimentale e ultimo esponente dei Della Rovere.
Fu anche l’ultimo Duca di Urbino, Duca di Sora, Signore di Pesaro, Senigallia, Fossombrone e Gubbio.
Morì a Casteldurante il 28 aprile 1631.

Una curiosità circa alcune monete coniate sotto Francesco Maria II Della Rovere è la scritta FERETRIA. Questa scritta appare su alcuni testoni della zecca di Gubbio, su quella di Pesaro, su di in uno scudo d’oro e su testone d’argento della zecca di Urbino.
Sulle monete della zecca di Gubbio è abbinato all’albero di rovere e alla veduta della città, cosi come in quelle di Pesaro e Urbino ma con delle piccole differenze del conio.
In realtà la scritta FERETRIA deriva da ‘MONS FERETRI’ (oggi noto come San Leo), località che ha dato il nome alla regione marchigiana del MONTEFELTRO, dove un tempo sorgeva un tempio dedicato alla divinità Giove Feretrio.

Alcune delle monete prodotte sotto Francesco Maria II tra il 1574 e il 1624

Le monete di Lorenzo de’ Medici

Figlio di Piero “il Fatuo”, Lorenzo de’ Medici fu signore di Firenze e primo ed unico duca di Urbino della dinastia Medici. Suo nonno era quindi Lorenzo il Magnifico, con il quale a volte viene erroneamente confuso a causa dell’omonimia loro e di quella dei rispettivi genitori.
Divenne duca di Urbino nel 1516 grazie a papa Leone X di cui era il nipote. Un governo urbinate, il suo, che si inserì da parentesi, da breve e dolorosa interruzione, alla signoria di Francesco Maria I.

Lorenzo governò sul Ducato tra il 1516 e il 1519

In conclusione, Il Ducato di Urbino ha una gamma di monete così ampia che sono stati necessari molti anni per effettuare approfondite analisi allo scopo di ripercorrere i tre secoli nei quali si sviluppa la sua storia, una storia strettamente legata a quella delle due famiglie che hanno fatto grande il passato del nostro territorio e improntato la formazione degli stati regionali italiani.

Marco Pedoni

TESTO DI RIFERIMENTO:

A. CAVICCHI – Le Monete del Ducato d’Urbino da Guidantonio di Montefeltro a Francesco Maria II Della Rovere – Eugubium, 2001

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

CONTENUTI ilfederico.com non è una testata giornalistica dal momento che gli aggiornamenti non seguono alcuna cadenza fissa. Pertanto, ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001, non può in alcun modo considerarsi un prodotto editoriale. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti dei singoli articoli. I responsabili di ilfederico.com, secondo il loro insindacabile giudizio, si riservano il diritto di eliminare tutti quegli interventi apportati dagli utenti ritenuti offensivi, razzisti o non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Le informazioni contenute in questo blog potrebbero contenere inesattezze, ancorché commesse senza intenzionalità. Gli autori del sito non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo. TRATTAMENTO DATI PERSONALI Ai sensi del Dlgs. 196/2003, recante “Codice in materia di protezione dei dati personali”, il trattamento dei dati personali sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della riservatezza e dei diritti. Ai sensi dell’articolo 13 del predetto Decreto, informiamo che: a) Il trattamento dei dati viene effettuato nel rispetto dei limiti e delle condizioni previste dalla legge, con le seguenti modalità: strumenti automatizzati, inclusi quelli elettronici e telematici. b) Il conferimento dei dati ha natura facoltativa. c) La mancata disponibilità totale o parziale dei dati può comportare l’impossibilità a perseguire la predetta finalità. d) Soggetti e categorie di soggetti ai quali i dati potranno essere comunicati e ambito di diffusione dei dati. I dati di cui sopra, nel rispetto delle finalità sopra indicate, verranno comunicati ai soggetti di seguito indicati: soggetti pubblici e privati per gli adempimenti previsti da ogni norma di legge o da disposizioni contrattuali. I dati non sono oggetto di diffusione. In ogni momento potrai esercitare i tuoi diritti nei confronti dei titolari del trattamento, ai sensi dell’articolo 8 D.Lgs. 196/2003. Restano salvi i diritti di cui all’articolo 7 del Dlgs. 196/2003. e) Titolarità del trattamento e richiesta informazioni ◾I Titolari del trattamento sono Gaetano Tripolone – Via Calzoppo 22/a 61026 Piandimeleto PU tel 0722 710007 – e Marco Toccacieli – Viale Trento 269, 61121 Pesaro f) Responsabili del trattamento ◾I Titolari del trattamento sono Gaetano Tripolone – Via Calzoppo 22/a 61026 Piandimeleto PU tel 0722 710007 – e Marco Toccacieli – Viale Trento 269, 61121 Pesaro INFORMATIVA E GESTIONE DEI COOKIES Cosa sono i cookies? I cookies sono files di testo che i siti visitati dall’utente inviano al terminale dello stesso– computer, smartphone e così via – dove vengono archiviati e poi ritrasmessi agli stessi siti in occasione della successiva visita del medesimo utente. Navigando su ilfederico.com, potrai ricevere solo cookies inviati direttamente dal nostro sito. A – Cookies utilizzati dal presente sito web I cookies vengono utilizzati con strumenti elettronici e ogni tipologia ha una sua funzione specifica. I cookies tecnici vengono utilizzati senza necessità di consenso da parte dell’utente, ma possono essere disabilitati (vedi in seguito). In ogni momento, a norma del d. lgs. 196/03, l’utente – potrà ottenere, previa richiesta inviata all’indirizzo email info(chiocciola)ilfederico.com, la conferma dell’esistenza del trattamento dei dati in questione e delle finalità dello stesso, l’indicazione dell’origine dei dati, l’indicazione della logica applicata al trattamento, l’indicazione di tutti gli elementi sopra elencati, nonché: l’aggiornamento, la rettifica, l’integrazione dei dati; la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge. Su questo sito non vengono utilizzati cookie di profilazione. Per maggiori informazioni sui cookies si veda questa pagina: https://it.wikipedia.org/wiki/Cookie B – Cookies tecnici I cookies tecnici vengono utilizzati senza necessità di consenso da parte dell’utente, ma possono essere disabilitati. Questi cookies sono volti a mantenere un buon funzionamento della navigazione o ad incrementare le funzionalità o le prestazioni del sito. Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori. C – Puoi gestire le tue preferenze sui cookies anche tramite browser Ogni browser contiene una pagina di gestione dei cookies che potrai modificare come meglio credi.

Chiudi