Montesecco di Pergola, il castello che disse no a Napoleone

Tagliato fuori dalle più importanti vie di comunicazione e lontano dalle industrie, Montesecco è oggigiorno abitato sconosciuto ai più. Eppure, come ogni borgo che si rispetti, ha la sua storia da narrare e qualche meraviglia da mostrare, piccoli incanti che ancora, tenacemente, l’agghindano.

Qualche parola sulla storia di Montesecco

L’origine di Montesecco, oggi frazione della bella città di Pergola, è cosa remotissima, da far risalire almeno ai primi anni del ‘200, quando a far da padrone al feudo ci pensava il vescovo di Fossombrone.

Attorno al 1250 il borgo, sostenuto dalla vicina Gubbio, riuscì ad imporsi come libero comune. L’autonomia non durò tuttavia a lungo se è vero che Montesecco divenne possedimento malatestiano prima e feltresco poi.

Infine, con l’estinguersi del Ducato di Urbino, all’abitato toccò di entrare nell’elenco dei domini papali. Montesecco rimase comune fin dopo l’Unità d’Italia, ovvero fino al 1869.

Uno sguardo su Montesecco

Uno sguardo su Montesecco

Per vicoli e vie di Montesecco

E’ un caratteristico arco d’ingresso quello che dà il benvenuto al visitatore, un arco sorvegliato da una possente torre quadrangolare che ancora si innesta alla perfezione nel circuito murario scarpato realizzato in laterizio e arenaria.

Salendo le strette vie che fendono il piccolo centro si raggiunge una grande piazza. Ed è proprio la dimensione spropositata di questa, unitamente alla presenza di case e palazzi di un certo pregio, che porta a pensare che un tempo da queste parti scorresse vita in abbondanza, vita a stento contenuta entro le mura castellane.

L'antico arco d'ingresso presso il borgo di Montesecco

L’antico arco d’ingresso presso il borgo di Montesecco

Oggi solo l’immaginazione può ridare a Montesecco le corse sfrenate e le grida dei bimbi, ma osservando uomini e donne che si chiamano per nome, si affacciano alle finestre per proporre un caffè, si danno appuntamento per la partita a carte della sera, emerge ancora fortissimo il senso di comunità. E tutto questo è una carezza per l’anima, uno star bene così marcato e sincero che i risultati offerti dai libri di self-help e dai moderni centri benessere non possono che far scuotere la testa e increspare le lebbra in un sorriso.

 

Due sono le chiese presenti nel borgo. La prima, più piccola, è intitolata a San Sebastiano e conserva al suo interno uno splendido affresco di scuola marchigiana ritraente la Madonna della Misericordia. Opere di un certo interesse si trovano anche presso l’edificio di culto più ampio, questo dedicato a Ss. Maria Assunta, e vanno a far compagnia a un Crocifisso ligneo annerito dalle fiamme e dalla storia: era il 1808 quando le truppe di Napoleone devastarono e incendiarono l’abitato. Perché? Perché le genti di Montesecco rifiutarono l’arruolamento coatto dei propri figli e fecero del paese un centro di raccolta della insorgenza antifrancese della Valcesano.

Per ultimo è necessario dire del dono più prezioso che questo antico castello, immerso in un affascinante paesaggio montano ricchissimo di boschi, riserva al visitatore. Si tratta della tipica cartolina delle terre marchigiane, una polaroid scattata da un balcone naturale a forma di paese che- dall’alto del suo poggio- misura 500 metri sul livello del mare, un’immagine incredibile che in un sol colpo sa abbracciare l’Adriatico e gli Appennini. Insomma, un panorama capace di lasciar penzolare a mezz’aria la mandibola di chi guarda per più di qualche attimo.

Buona visita!

Chiesa di Ss. Maria Assunta - Montesecco

Chiesa di Ss. Maria Assunta – Montesecco

BIBLIOGRAFIA

  • D. SACCO – La Provincia dei Centoborghi – Metauro Edizioni, 2006
  • G. ILARI – Pergola in tasca – Ciabocchi Editore, 2015

 

 

Potrebbero interessarti anche...

6 Risposte

  1. Marco Baldantoni ha detto:

    Bellissimo Borgo, visitato più volte in bicicletta. Prende vita in agosto in occasione della ” Notte Verde”. Da vedere.

    • ilfederico ha detto:

      Grazie per il commento, Marco. Per quanto mi riguarda, sebbene Montesecco sia un gran bel borgo, quello che mi ha stupito di più è stata la gente. Pensa che mi sono fermato per un saluto di cortesia e in due minuti si è formato attorno a me un capannello di anziani che ha preso a dirmi del loro paesello. Dovevo fermarmi mezz’ora e sono ripartito due ore dopo e con un caffè in più nello stomaco. Fantastico, davvero.

  2. Franco Vitali ha detto:

    Io sono nativo di Montesecco, paese che mi è rimasto sempre nel cuore. Gli abitanti sono molto ospitali, purtroppo sono rimaste pochissime persone, circa 15. Una volta non potevi andar via da Montesecco, se non accettavi un bicchiere di vino, salumi locali, ed un buon caffé.
    Il panorama è eccezionale . si spazia dagli appennini, fino al mare Adriarico, con colline verdeggianti e ben coltivate. dalla sapienza degli agricoltori, nel rispetto della natura. E’ un paese tutto da vedere per rilassarsi la mete ne l’anima.ù

  3. Sofia ha detto:

    Il caffè no può essere che della zia Vera! Grazie per queste belle parole sul mio paesello.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

CONTENUTI ilfederico.com non è una testata giornalistica dal momento che gli aggiornamenti non seguono alcuna cadenza fissa. Pertanto, ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001, non può in alcun modo considerarsi un prodotto editoriale. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti dei singoli articoli. I responsabili di ilfederico.com, secondo il loro insindacabile giudizio, si riservano il diritto di eliminare tutti quegli interventi apportati dagli utenti ritenuti offensivi, razzisti o non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Le informazioni contenute in questo blog potrebbero contenere inesattezze, ancorché commesse senza intenzionalità. Gli autori del sito non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo. TRATTAMENTO DATI PERSONALI Ai sensi del Dlgs. 196/2003, recante “Codice in materia di protezione dei dati personali”, il trattamento dei dati personali sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della riservatezza e dei diritti. Ai sensi dell’articolo 13 del predetto Decreto, informiamo che: a) Il trattamento dei dati viene effettuato nel rispetto dei limiti e delle condizioni previste dalla legge, con le seguenti modalità: strumenti automatizzati, inclusi quelli elettronici e telematici. b) Il conferimento dei dati ha natura facoltativa. c) La mancata disponibilità totale o parziale dei dati può comportare l’impossibilità a perseguire la predetta finalità. d) Soggetti e categorie di soggetti ai quali i dati potranno essere comunicati e ambito di diffusione dei dati. I dati di cui sopra, nel rispetto delle finalità sopra indicate, verranno comunicati ai soggetti di seguito indicati: soggetti pubblici e privati per gli adempimenti previsti da ogni norma di legge o da disposizioni contrattuali. I dati non sono oggetto di diffusione. In ogni momento potrai esercitare i tuoi diritti nei confronti dei titolari del trattamento, ai sensi dell’articolo 8 D.Lgs. 196/2003. Restano salvi i diritti di cui all’articolo 7 del Dlgs. 196/2003. e) Titolarità del trattamento e richiesta informazioni ◾I Titolari del trattamento sono Gaetano Tripolone – Via Calzoppo 22/a 61026 Piandimeleto PU tel 0722 710007 – e Marco Toccacieli – Viale Trento 269, 61121 Pesaro f) Responsabili del trattamento ◾I Titolari del trattamento sono Gaetano Tripolone – Via Calzoppo 22/a 61026 Piandimeleto PU tel 0722 710007 – e Marco Toccacieli – Viale Trento 269, 61121 Pesaro INFORMATIVA E GESTIONE DEI COOKIES Cosa sono i cookies? I cookies sono files di testo che i siti visitati dall’utente inviano al terminale dello stesso– computer, smartphone e così via – dove vengono archiviati e poi ritrasmessi agli stessi siti in occasione della successiva visita del medesimo utente. Navigando su ilfederico.com, potrai ricevere solo cookies inviati direttamente dal nostro sito. A – Cookies utilizzati dal presente sito web I cookies vengono utilizzati con strumenti elettronici e ogni tipologia ha una sua funzione specifica. I cookies tecnici vengono utilizzati senza necessità di consenso da parte dell’utente, ma possono essere disabilitati (vedi in seguito). In ogni momento, a norma del d. lgs. 196/03, l’utente – potrà ottenere, previa richiesta inviata all’indirizzo email info(chiocciola)ilfederico.com, la conferma dell’esistenza del trattamento dei dati in questione e delle finalità dello stesso, l’indicazione dell’origine dei dati, l’indicazione della logica applicata al trattamento, l’indicazione di tutti gli elementi sopra elencati, nonché: l’aggiornamento, la rettifica, l’integrazione dei dati; la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge. Su questo sito non vengono utilizzati cookie di profilazione. Per maggiori informazioni sui cookies si veda questa pagina: https://it.wikipedia.org/wiki/Cookie B – Cookies tecnici I cookies tecnici vengono utilizzati senza necessità di consenso da parte dell’utente, ma possono essere disabilitati. Questi cookies sono volti a mantenere un buon funzionamento della navigazione o ad incrementare le funzionalità o le prestazioni del sito. Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori. C – Puoi gestire le tue preferenze sui cookies anche tramite browser Ogni browser contiene una pagina di gestione dei cookies che potrai modificare come meglio credi.

Chiudi