La storia di Paolo e Francesca, gli sventurati amanti

La storia di Paolo e Francesca ha da sempre appassionato studiosi di ogni epoca e luogo e proprio da questa molti scrittori, poeti, musicisti e pittori hanno tratto ispirazione. Solo per citarne alcuni, troviamo rappresentate le gesta dei due innamorati nelle opere del Petrarca e del Boccaccio, di D’annunzio, ma anche di Rachmaninov, di Ciaikowsky e poi di Scheffer, di Rossetti, di Cassioli.

Celebre è il V canto dell’Inferno di Dante Alighieri che ha per protagonisti proprio i due sventurati amanti, costretti nel girone dei lussuriosi e che a un’infinita pietà muovono il poeta.

La scarsità di documenti ufficiali e forse proprio questo abbondante apporto alla vicenda da parte di artisti, che quasi mai si limitano a riportare la semplice cronaca e, anzi, fanno sovente ricorso alla creatività, hanno contribuito a trasformare la storia di Paolo e Francesca in un’affascinante leggenda avvolta nel mistero.

Paolo e Francesca in una riproduzione presso il Museo Storico di Gradara

Paolo e Francesca in una riproduzione presso il Museo Storico di Gradara

E’ il 1275 quando Guido da Polenta, Signore di Ravenna e Cervia, decide di concedere la mano di sua figlia Francesca a Giovanni Malatesta, detto Gianciotto.

Non sono chiare le motivazioni che portarono Guido a questa decisione: alcuni sostengono che l’abbia fatto per instaurare una pace duratura e sanare vecchi screzi tra le due famiglie, ma, più probabilmente, le nozze si possono intendere quasi come una ricompensa per l’aiuto che Gianciotto e i Malatesta apportarono ai Da Polenta nel combattere i Traversari, loro nemici, per il dominio di Ravenna.

Benché lo sposalizio dovesse ancora essere celebrato, già si poteva intendere come, per Francesca, questo non fosse baciato dalla luce di una buona stella: non solo Giovanni possedeva un brutto carattere e pessime maniere, ma era anche molto più vecchio di lei ed era nato con una malformazione fisica che gli valse appunto l’appellativo di Gianciotto, nomignolo che ricorre anche in documenti ufficiali e che ai giorni nostri potrebbe essere inteso come Giovanni Zoppo.

Prima di essere un matrimonio, fu un inganno: si racconta che Guido da Polenta, alle voci che lo accusavano di accompagnare male la sua figliola, rispose che se questa avesse visto lo sposo soltanto a cose fatte, non avrebbe potuto far altro che accettare la situazione. E la realtà non fu molto diversa.

Per evitare il possibile rifiuto di Francesca, le due potenti famiglie pensarono di mandare a Ravenna Paolo il bello, uomo piacevole e dai modi cortesi, fratello minore di Gianciotto. A quanto si narra, una damigella esortò Francesca a guardare fuori da una finestra e le disse, accennando a Paolo che si trovava a passare poco distante, che quello sarebbe stato suo marito. Ed è così che la giovane figlia di Guido, ancora poco più che quindicenne, pronunciò a distanza di pochi giorni il suo sì, senza sapere, cioè, che Paolo la sposava per procura, ossia a nome e per conto di Gianciotto. Si può quindi immaginare lo stato d’animo della bella Francesca quando il giorno seguente conobbe il vero marito.

Gradara, uno splendido scenario per la storia di Paolo e Francesca

Gradara, uno splendido scenario per la storia di Paolo e Francesca

 

Non potendo fare altro, e come predetto dal padre Guido, la ragazza si rassegnò al matrimonio e qualche tempo dopo ebbe una figlia che chiamò come sua suocera: Concordia. Dal momento che Giovanni Malatesta esercitava la funzione di Podestà in quel di Pesaro e vi si doveva recare ogni mattina, aveva scelto come dimora per sé e la sua famiglia la Rocca di Gradara, non più distante di una mezz’ora a cavallo.

Anche Paolo, che aveva dei possedimenti nei pressi di Gradara, dovette di sovente sostare al castello per far visita al più anziano dei Malatesta, a quel genitore che Dante, nella Commedia, chiama “Mastin Vecchio”. I più romantici sostengono che la presenza frequente dell’aitante Paolo presso la rocca fosse in realtà dovuta al senso di colpa di costui per essersi prestato all’inganno ai danni della bella cognata. E Francesca, donna spesso sola per via delle continue assenze del consorte, avrà certo gradito quelle giornate trascorse in compagnia.

Il Bacio, dipinto con cui Amos Cassioli ha voluto fornire la propria versione della storia di Paolo e Francesca

Il Bacio, dipinto con cui Amos Cassioli ha voluto fornire la propria versione della storia di Paolo e Francesca

Si racconta che i due si intrattenessero con la lettura che spiega l’amore tra Ginevra e Lancillotto e che questa li avvicinò così tanto da far incontrare un giorno in un bacio le loro labbra. E il bacio di un giorno divenne amore eterno.

E’ con tutta probabilità il 1289 quando qualcuno, forse un servo o più presumibilmente il terzo fratello Malatesta, Malatestino dell’occhio, così chiamato perché aveva un occhio solo, scoprì gli incontri segreti tra Paolo e Francesca e ne informò il rude Gianciotto.

Quest’ultimo, la mattina seguente, finse solamente di partire per Pesaro e, rientrato al castello per un passaggio segreto, sorprese i due amanti. Accecato da gelosia e rabbia estrasse la spada e fece per colpire il fratello Paolo. Francesca per salvare l’uomo amato gli si parò dinnanzi, ma Gianciotto non usò pietà e li finì entrambi.

L’omicida morì a sua volta nel 1304 presso il Castello di Scorticata, l’odierna Torriana, per mano dei nipoti, figli del fratello che aveva assassinato.

Ma non è tutto, la leggenda si tinge ancor più di mistero, quando nel 1760, durante dei lavori di sterro, venne rinvenuto un sarcofago romano che sembra contenesse il corpo di Francesca. L’anima della povera ragazza, a quel che invece si racconta, sembra aggirarsi ancora oggi inquieta, durante le notti di luna piena, lungo gli antichi camminamenti del castello.

Se ti è piaciuta la storia di Paolo e Francesca, forse potrebbe interessarti scoprire di più sul CASTELLO DI GRADARA

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

CONTENUTI ilfederico.com non è una testata giornalistica dal momento che gli aggiornamenti non seguono alcuna cadenza fissa. Pertanto, ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001, non può in alcun modo considerarsi un prodotto editoriale. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti dei singoli articoli. I responsabili di ilfederico.com, secondo il loro insindacabile giudizio, si riservano il diritto di eliminare tutti quegli interventi apportati dagli utenti ritenuti offensivi, razzisti o non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Le informazioni contenute in questo blog potrebbero contenere inesattezze, ancorché commesse senza intenzionalità. Gli autori del sito non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo. TRATTAMENTO DATI PERSONALI Ai sensi del Dlgs. 196/2003, recante “Codice in materia di protezione dei dati personali”, il trattamento dei dati personali sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della riservatezza e dei diritti. Ai sensi dell’articolo 13 del predetto Decreto, informiamo che: a) Il trattamento dei dati viene effettuato nel rispetto dei limiti e delle condizioni previste dalla legge, con le seguenti modalità: strumenti automatizzati, inclusi quelli elettronici e telematici. b) Il conferimento dei dati ha natura facoltativa. c) La mancata disponibilità totale o parziale dei dati può comportare l’impossibilità a perseguire la predetta finalità. d) Soggetti e categorie di soggetti ai quali i dati potranno essere comunicati e ambito di diffusione dei dati. I dati di cui sopra, nel rispetto delle finalità sopra indicate, verranno comunicati ai soggetti di seguito indicati: soggetti pubblici e privati per gli adempimenti previsti da ogni norma di legge o da disposizioni contrattuali. I dati non sono oggetto di diffusione. In ogni momento potrai esercitare i tuoi diritti nei confronti dei titolari del trattamento, ai sensi dell’articolo 8 D.Lgs. 196/2003. Restano salvi i diritti di cui all’articolo 7 del Dlgs. 196/2003. e) Titolarità del trattamento e richiesta informazioni ◾I Titolari del trattamento sono Gaetano Tripolone – Via Calzoppo 22/a 61026 Piandimeleto PU tel 0722 710007 – e Marco Toccacieli – Viale Trento 269, 61121 Pesaro f) Responsabili del trattamento ◾I Titolari del trattamento sono Gaetano Tripolone – Via Calzoppo 22/a 61026 Piandimeleto PU tel 0722 710007 – e Marco Toccacieli – Viale Trento 269, 61121 Pesaro INFORMATIVA E GESTIONE DEI COOKIES Cosa sono i cookies? I cookies sono files di testo che i siti visitati dall’utente inviano al terminale dello stesso– computer, smartphone e così via – dove vengono archiviati e poi ritrasmessi agli stessi siti in occasione della successiva visita del medesimo utente. Navigando su ilfederico.com, potrai ricevere solo cookies inviati direttamente dal nostro sito. A – Cookies utilizzati dal presente sito web I cookies vengono utilizzati con strumenti elettronici e ogni tipologia ha una sua funzione specifica. I cookies tecnici vengono utilizzati senza necessità di consenso da parte dell’utente, ma possono essere disabilitati (vedi in seguito). In ogni momento, a norma del d. lgs. 196/03, l’utente – potrà ottenere, previa richiesta inviata all’indirizzo email info(chiocciola)ilfederico.com, la conferma dell’esistenza del trattamento dei dati in questione e delle finalità dello stesso, l’indicazione dell’origine dei dati, l’indicazione della logica applicata al trattamento, l’indicazione di tutti gli elementi sopra elencati, nonché: l’aggiornamento, la rettifica, l’integrazione dei dati; la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge. Su questo sito non vengono utilizzati cookie di profilazione. Per maggiori informazioni sui cookies si veda questa pagina: https://it.wikipedia.org/wiki/Cookie B – Cookies tecnici I cookies tecnici vengono utilizzati senza necessità di consenso da parte dell’utente, ma possono essere disabilitati. Questi cookies sono volti a mantenere un buon funzionamento della navigazione o ad incrementare le funzionalità o le prestazioni del sito. Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori. C – Puoi gestire le tue preferenze sui cookies anche tramite browser Ogni browser contiene una pagina di gestione dei cookies che potrai modificare come meglio credi.

Chiudi