Piandimeleto e il Castello dei Conti Oliva

Non solo Malatesta e Montefeltro in quel della Provincia di Pesaro-Urbino: benvenuti a Piandimeleto,  antico Castello dei Conti Oliva.

Uno sguardo sull'abitato di Piandimeleto

Uno sguardo sull’abitato di Piandimeleto

Cenni storici sul Comune di Piandimeleto

Il Comune di Piandimeleto è situato su un dolce pianoro dell’Alta Valle del Foglia e oggi conta poco più di duemila abitanti.

Le sue origini risalgono al medioevo, più precisamente al XII secolo, quando venne edificato un primo nucleo di costruzioni dai Rettori della Massa Trabaria. Planus Mileti, tuttavia, cominciò a svilupparsi effettivamente solo a partire dal ‘300, ovvero da quando una famiglia nobile del Montefeltro vi si stabilì dal vicino borgo di Piagnano: parliamo degli Oliva.

Quella degli Oliva era una famiglia di origini germaniche scesa in Italia alla fine del X secolo al seguito dell’imperatore Ottone III e che, grazie all’astuzia e al valore militare di alcuni suoi membri, non tardò a ritagliarsi un posto d’onore nella storia (locale e non solo): questi infatti riuscirono a stabilire fortunati rapporti con i Montefeltro, i Malatesta, i Gonzaga e persino con i Medici di Firenze.

Nel 1377 Papa Gregorio XI diede legalmente forma alla Signoria degli Oliva, i quali acquisirono, tra gli altri, il Castello di Piandimeleto, che prese il loro nome e che venne presto eletto a residenza ufficiale.

La nobile casata mantenne saldo il dominio sul territorio fino alla morte dell’ultimo suo rappresentante (metà XVI° secolo), prima che il tutto tornasse di pertinenza della Santa Sede.

Uno dei vicoli del nucleo storico del paese

Uno dei vicoli del nucleo storico del paese

Piandimeleto: cosa vedere

Rispetto al resto della Provincia, Piandimeleto si mostra presto al visitatore per quello che è: una piacevole eccezione. A differenza di quanto si può dire parlando di paesi e borghi limitrofi, infatti, l’antica Planus Mileti non ha conosciuto il dominio dei Montefeltro né, tantomeno, quello dei Malatesta.

E’ una cittadina, insomma, che fa un po’ storia a sé. E, non fosse altro che per questo, una visita è – più che in altri casi – d’obbligo.

Piandimeleto, Castello dei Conti Oliva

Piandimeleto, Castello dei Conti Oliva

Il castello dei Conti Oliva

Vuoi per il celebre Palio che vi si svolge ogni anno, vuoi perché impossibile non notarlo, l’attrazione più celebre di Piandimeleto è il suo palazzo fortificato.

Fu Carlo I, probabilmente il più significativo tra tutti i componenti della casata, uomo colto ed eccezionale soldato, a far ristrutturare la vecchia rocca. In effetti si trattò di innestare un nuovo edificio su una struttura preesistente, un fortilizio che si ergeva a strapiombo sul fiume Foglia e che venne distrutto dalle truppe di Francesco Sforza nel 1445.

Il risultato fu un connubio tra fortezza militare e palazzo signorile: se da un lato fanno ancora bella mostra di sé le merlature ghibelline, le caditoie, i beccatelli, il cammino di ronda e l’imponente torre quadrata del primitivo edificio difensivo, dall’altro gli interni – probabilmente ad opera dell’artista fiesolano Francesco di Simone Ferrucci – stupiscono per raffinatezza e magnificenza.

Oggi il palazzo dà alloggio a ben quattro raccolte museali: il Museo del lavoro contadino, nel quale troviamo esposti oggetti capaci di raccontarci quella che fu la vita di un tempo nelle campagne del Montefeltro; l’ Erbario delle Marche con poco meno di trecento esemplari di fiori, erbe e piante ivi esposti; la Sala dell’Araldica, contenente una collezione di stemmi dipinti su cuoio che riproducono le insegne delle famiglie nobili che ebbero rapporti con il territorio; infine il Museo delle Scienze della Terra con la sua importante raccolta di minerali e rocce.

Ma non sarebbero solo musei a essere ospitati nel Castello dei Conti Oliva, stando alla tradizione c’è dell’altro: si narra infatti che questo, nelle fondamenta o in un qualche cunicolo, nasconda un tesoro. Saranno gioielli? Sarà oro? O forse un importante segreto iniziatico?

Per le vie del centro storico

Le curiosità inerenti il Comune di Piandimeleto non finiscono qui: il turista può passeggiare per le strette vie ortogonali del piccolo nucleo medioevale alla ricerca delle abitazioni che presentano ancora la porta del morto. Questa è una struttura caratteristica delle abitazioni medioevali in uso particolarmente nelle vicine Umbria e Toscana.

La porta del morto era ubicata accanto all’ingresso principale della casa e si poteva distinguere da questo sia per le dimensioni più ridotte, sia perché rialzata rispetto al piano stradale. La bassa e stretta porticina doveva essere utilizzata soltanto per far passare la bara di chi abbandonava la casa, piedi in avanti, per non farvi mai più ritorno. Mai nessun vivo, nemmeno per sbaglio e per nessuna ragione, doveva uscire dalla porta del morto e per ciò si badava a che fosse sempre ben chiusa.

Un’altra piccola meraviglia sulla quale vale la pena di soffermarsi per qualche momento almeno è il Convento di Sant’Agostino. L’anzianità della costruzione non solo è testimoniata dalle peculiari monofore, ma viene ribadita ancor più chiaramente dall’iscrizione sulla ghiera di un arco gotico (oggi tamponato) che porta impressa la data del 1285.

Se non ancora soddisfatto, il visitatore potrà riempirsi gli occhi con la bellezza della rinascimentale e poco distante torre circolare, la cui struttura si ricollega alle architetture martiniane presenti in gran numero nei territori dell’urbinate e del Montefeltro.

Per orari di visita ai monumenti cittadini e ulteriori informazioni, ti rimando al sito comunale.

Torre Circolare Pian di meleto

La Torre Circolare di Piandimeleto è oggi inserita in un giardino privato. Fortunatamente è visibile anche dal piano stradale

Altri tesori disseminati nelle campagne di Piandimeleto

E’ bene ricordare che il territorio comunale, così come le sua bellezza, non si esaurisce con il centro storico. Anzi, probabilmente il senso più vero di Piandimeleto sta nelle sue campagne e nei borghetti che le popolano.

Certamente vanno nominati Viano e la sua bella parrocchiale, così come va detto di San Sisto e del Museo del Fungo che vi trova spazio.

Su tutti i villaggi sorti attorno al capoluogo, però, più di altri si fanno notare Monastero e CAVOLETO. Il primo può vantare la presenza di un luogo di fede fondato ai tempi della lotta per le investiture, le cui mansioni paiono oggi paragonabili a quelle d’una chiesa di campagna, ma che una volta era una potentissima abbazia (conosciuta come Santa Maria del Mutino); il secondo è un vero e proprio pezzetto di medioevo arrivato intatto fino ai giorni nostri, un borgo ancora avvolto nell’abbraccio di mura originarie, ammantato di dolce nostalgia e bellezza appena sussurrata, un abitato dove la pietra è ancora l’elemento dominante.

Una sbirciatina al borgo di Cavoleto

Una sbirciatina al borgo di Cavoleto

Buona visita!

Scopri con Google Maps come raggiungere il Comune di Piandimeleto

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

CONTENUTI ilfederico.com non è una testata giornalistica dal momento che gli aggiornamenti non seguono alcuna cadenza fissa. Pertanto, ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001, non può in alcun modo considerarsi un prodotto editoriale. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti dei singoli articoli. I responsabili di ilfederico.com, secondo il loro insindacabile giudizio, si riservano il diritto di eliminare tutti quegli interventi apportati dagli utenti ritenuti offensivi, razzisti o non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Le informazioni contenute in questo blog potrebbero contenere inesattezze, ancorché commesse senza intenzionalità. Gli autori del sito non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo. TRATTAMENTO DATI PERSONALI Ai sensi del Dlgs. 196/2003, recante “Codice in materia di protezione dei dati personali”, il trattamento dei dati personali sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della riservatezza e dei diritti. Ai sensi dell’articolo 13 del predetto Decreto, informiamo che: a) Il trattamento dei dati viene effettuato nel rispetto dei limiti e delle condizioni previste dalla legge, con le seguenti modalità: strumenti automatizzati, inclusi quelli elettronici e telematici. b) Il conferimento dei dati ha natura facoltativa. c) La mancata disponibilità totale o parziale dei dati può comportare l’impossibilità a perseguire la predetta finalità. d) Soggetti e categorie di soggetti ai quali i dati potranno essere comunicati e ambito di diffusione dei dati. I dati di cui sopra, nel rispetto delle finalità sopra indicate, verranno comunicati ai soggetti di seguito indicati: soggetti pubblici e privati per gli adempimenti previsti da ogni norma di legge o da disposizioni contrattuali. I dati non sono oggetto di diffusione. In ogni momento potrai esercitare i tuoi diritti nei confronti dei titolari del trattamento, ai sensi dell’articolo 8 D.Lgs. 196/2003. Restano salvi i diritti di cui all’articolo 7 del Dlgs. 196/2003. e) Titolarità del trattamento e richiesta informazioni ◾I Titolari del trattamento sono Gaetano Tripolone – Via Calzoppo 22/a 61026 Piandimeleto PU tel 0722 710007 – e Marco Toccacieli – Viale Trento 269, 61121 Pesaro f) Responsabili del trattamento ◾I Titolari del trattamento sono Gaetano Tripolone – Via Calzoppo 22/a 61026 Piandimeleto PU tel 0722 710007 – e Marco Toccacieli – Viale Trento 269, 61121 Pesaro INFORMATIVA E GESTIONE DEI COOKIES Cosa sono i cookies? I cookies sono files di testo che i siti visitati dall’utente inviano al terminale dello stesso– computer, smartphone e così via – dove vengono archiviati e poi ritrasmessi agli stessi siti in occasione della successiva visita del medesimo utente. Navigando su ilfederico.com, potrai ricevere solo cookies inviati direttamente dal nostro sito. A – Cookies utilizzati dal presente sito web I cookies vengono utilizzati con strumenti elettronici e ogni tipologia ha una sua funzione specifica. I cookies tecnici vengono utilizzati senza necessità di consenso da parte dell’utente, ma possono essere disabilitati (vedi in seguito). In ogni momento, a norma del d. lgs. 196/03, l’utente – potrà ottenere, previa richiesta inviata all’indirizzo email info(chiocciola)ilfederico.com, la conferma dell’esistenza del trattamento dei dati in questione e delle finalità dello stesso, l’indicazione dell’origine dei dati, l’indicazione della logica applicata al trattamento, l’indicazione di tutti gli elementi sopra elencati, nonché: l’aggiornamento, la rettifica, l’integrazione dei dati; la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge. Su questo sito non vengono utilizzati cookie di profilazione. Per maggiori informazioni sui cookies si veda questa pagina: https://it.wikipedia.org/wiki/Cookie B – Cookies tecnici I cookies tecnici vengono utilizzati senza necessità di consenso da parte dell’utente, ma possono essere disabilitati. Questi cookies sono volti a mantenere un buon funzionamento della navigazione o ad incrementare le funzionalità o le prestazioni del sito. Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori. C – Puoi gestire le tue preferenze sui cookies anche tramite browser Ogni browser contiene una pagina di gestione dei cookies che potrai modificare come meglio credi.

Chiudi