Una visita al Gradara War Cemetery

Ci sono cose che avrebbero dovuto essere e invece non sono. Ad esempio quella fotografia che avevi in testa, uno scatto fatto del manto d’ambra che un tardo sole estivo getta sul verde delle ultime colline marchigiane, e che ricopre ogni cosa col suo colore caldo: case, campi e strade. Strade che, in fondo allo sguardo, paiono grossi serpenti grigi intenti a dissetarsi nell’azzurro del mare di Romagna. Un dipinto incorniciato da un arco antichissimo, una vecchia porta che da secoli impreziosisce il Castello di Gradara.

Ci sono cose che avrebbero dovuto essere e invece non sono. Ad esempio una panchina su cui sederti e stare solo, a lasciarti suggerire storie da mura che ne conoscono a milioni, mentre le sottili assi di legno ti baciano la pelle scoperta sotto le ginocchia e, generose, le restituiscono il calore che hanno ricevuto in dono dalla giornata. Oppure il silenzio, quel silenzio che riempiva il film che avevi scritto prima di partire e che invece se la deve vedere con il rumoreggiare di scolaresche, con grida di bambini felici. Troppe voci, per poter udire quella flebilissima del luogo che si racconta.

E allora decidi di levare le tende e andartene a visitare il Gradara War Cemetery, più comunemente noto come Il cimitero inglese di Gradara.

Ingresso del cimitero inglese

Ingresso del cimitero inglese

Qui il rumore è decisamente meno intenso. Appena il canticchiare di qualche cicala e uno sportello che si chiude: quello della tua auto. Non c’è nessuno.

Ci sono cose che non avrebbero dovuto essere e invece sono. Ad esempio le righe che stai leggendo. D’altra parte non c’è molto da descrivere dalle parti del Gradara War Cemetery: c’è giusto qualche grande albero che getta grosse macchie d’ombra su un prato ben curato, un tempietto-mausoleo che conserva un libro dove sono annotati i nomi dei defunti e una pace infinita. Ma il senso del visitare luoghi non è da rintracciarsi nello stilare liste di monumenti senz’anima, piuttosto nel lasciare che questi ci comunichino sensazioni. E il Gradara War Cemetery, pacatamente, a chi ha tempo e voglia di starlo a sentire, parla.

Ci sono cose che non avrebbero dovuto essere e invece sono. Ad esempio 1191 lapidi bianche disposte in lunghe file parallele in questa piccola altura appena fuori Gradara, a commemorare uomini venuti da lontano per liberare l’Italia, uccisi nell’autunno 1944 dalla furia nazifascista.

Ci sono cose che non avrebbero dovuto essere e invece sono. Ad esempio un padre invincibile che non ha saputo tener testa a un nemico minuto, minuto come un proiettile. Una sposa con un letto improvvisamente insostenibilmente grande e freddo. Un figlio partito per un lungo viaggio senza sulla fronte lo schiocco umido di un bacio triste di madre. Ragazzi che non verranno cullati mai nell’ultimo abbraccio di una terra conosciuta, familiare.

Ci sono cose che non avrebbero dovuto essere e invece sono. Ad esempio esseri umani troppo a lungo lontani da casa per non venire dimenticati.

Gradara War Cemetery - Lapidi dei caduti

Gradara War Cemetery – Lapidi dei caduti

Come arrivare al Gradara War Cemetery

Prendendo il castello come punto di partenza, arrivare al cimitero inglese è semplice. E’ sufficiente imboccare la strada in direzione Pesaro. Appena superato il ponte sotto il quale scorre la A14 si deve svoltare a destra. La struttura è dotata di uno spiazzo dove poter parcheggiare.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

CONTENUTI ilfederico.com non è una testata giornalistica dal momento che gli aggiornamenti non seguono alcuna cadenza fissa. Pertanto, ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001, non può in alcun modo considerarsi un prodotto editoriale. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti dei singoli articoli. I responsabili di ilfederico.com, secondo il loro insindacabile giudizio, si riservano il diritto di eliminare tutti quegli interventi apportati dagli utenti ritenuti offensivi, razzisti o non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Le informazioni contenute in questo blog potrebbero contenere inesattezze, ancorché commesse senza intenzionalità. Gli autori del sito non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo. TRATTAMENTO DATI PERSONALI Ai sensi del Dlgs. 196/2003, recante “Codice in materia di protezione dei dati personali”, il trattamento dei dati personali sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della riservatezza e dei diritti. Ai sensi dell’articolo 13 del predetto Decreto, informiamo che: a) Il trattamento dei dati viene effettuato nel rispetto dei limiti e delle condizioni previste dalla legge, con le seguenti modalità: strumenti automatizzati, inclusi quelli elettronici e telematici. b) Il conferimento dei dati ha natura facoltativa. c) La mancata disponibilità totale o parziale dei dati può comportare l’impossibilità a perseguire la predetta finalità. d) Soggetti e categorie di soggetti ai quali i dati potranno essere comunicati e ambito di diffusione dei dati. I dati di cui sopra, nel rispetto delle finalità sopra indicate, verranno comunicati ai soggetti di seguito indicati: soggetti pubblici e privati per gli adempimenti previsti da ogni norma di legge o da disposizioni contrattuali. I dati non sono oggetto di diffusione. In ogni momento potrai esercitare i tuoi diritti nei confronti dei titolari del trattamento, ai sensi dell’articolo 8 D.Lgs. 196/2003. Restano salvi i diritti di cui all’articolo 7 del Dlgs. 196/2003. e) Titolarità del trattamento e richiesta informazioni ◾I Titolari del trattamento sono Gaetano Tripolone – Via Calzoppo 22/a 61026 Piandimeleto PU tel 0722 710007 – e Marco Toccacieli – Viale Trento 269, 61121 Pesaro f) Responsabili del trattamento ◾I Titolari del trattamento sono Gaetano Tripolone – Via Calzoppo 22/a 61026 Piandimeleto PU tel 0722 710007 – e Marco Toccacieli – Viale Trento 269, 61121 Pesaro INFORMATIVA E GESTIONE DEI COOKIES Cosa sono i cookies? I cookies sono files di testo che i siti visitati dall’utente inviano al terminale dello stesso– computer, smartphone e così via – dove vengono archiviati e poi ritrasmessi agli stessi siti in occasione della successiva visita del medesimo utente. Navigando su ilfederico.com, potrai ricevere solo cookies inviati direttamente dal nostro sito. A – Cookies utilizzati dal presente sito web I cookies vengono utilizzati con strumenti elettronici e ogni tipologia ha una sua funzione specifica. I cookies tecnici vengono utilizzati senza necessità di consenso da parte dell’utente, ma possono essere disabilitati (vedi in seguito). In ogni momento, a norma del d. lgs. 196/03, l’utente – potrà ottenere, previa richiesta inviata all’indirizzo email info(chiocciola)ilfederico.com, la conferma dell’esistenza del trattamento dei dati in questione e delle finalità dello stesso, l’indicazione dell’origine dei dati, l’indicazione della logica applicata al trattamento, l’indicazione di tutti gli elementi sopra elencati, nonché: l’aggiornamento, la rettifica, l’integrazione dei dati; la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge. Su questo sito non vengono utilizzati cookie di profilazione. Per maggiori informazioni sui cookies si veda questa pagina: https://it.wikipedia.org/wiki/Cookie B – Cookies tecnici I cookies tecnici vengono utilizzati senza necessità di consenso da parte dell’utente, ma possono essere disabilitati. Questi cookies sono volti a mantenere un buon funzionamento della navigazione o ad incrementare le funzionalità o le prestazioni del sito. Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori. C – Puoi gestire le tue preferenze sui cookies anche tramite browser Ogni browser contiene una pagina di gestione dei cookies che potrai modificare come meglio credi.

Chiudi