Campo di Belforte, il bel castello “ignobile”

A due passi da Sestino, poggi e boschi nascondono un antico castello, un gruppo di abitazioni indeciso se sentirsi più affine alle Marche o alla Toscana: è Campo di Belforte.

Si tratta di un borghetto di poche case e, probabilmente, di ancor meno abitanti. Già a vederlo di lontano questo luogo suscita emozioni contrastanti di stupore e di velata tristezza. Un’affascinante e piuttosto integra casa torre, nel suo svettare, pare voler gareggiare in visibilità con la rete arancione che avvisa il visitatore (che ancora deve mettere piede nel paese vero e proprio) di tenersi a debita distanza dalla porzione di colle che sta franando.

Casa-torre presso Campo di Belforte
Un’abitazione a Campo di Belforte, dietro la quale si staglia la bella casa-torre. A lato un rimessa con ancora qualche antico attrezzo da lavoro oggi assediato dalla vegetazione.

A dare un mesto benvenuto al forestiero che decide di visitare Campo di Belforte ci pensa una chiesetta piuttosto anonima e senza evidenti tracce di antichità, apprezzabile però per il fatto che nelle sue vicinanze si può lasciare l’automobile per i pochi istanti necessari ad una visita all’affatto distante castello.

Entrando nell’abitato si contano, poste su un tappeto d’erba che non può non trascinare la fantasia indietro di qualche secolo, abitazioni d’ogni sorta: alcune piuttosto male in arnese, altre intonacate nella più disgraziata maniera, altre ancora riportate ad una seconda giovinezza da sapienti lavori di restauro.

Chiesa di San Pietro di Campo

All’estremo margine del podio sui cui rimane artigliato il paesotto, c’è una graziosa scalinata di pietra che dovrebbe condurre ad una casa ubicata poco più da basso, ma che al momento rappresenta anche l’unica via per raggiungere la più antica chiesa del posto.

La Chiesa di San Pietro vista dal podio su cui sorge l’abitato. Ad un primo sguardo l’edificio parrebbe ben conservato, ma basta uno sguardo più attento al suo campanile per comprendere che lo stato in cui versa non è dei più felici.

San Pietro, questo è il santo a cui è intitolato il luogo di fede, se la passa bene solo per metà. O meglio, la porzione riattata ad abitazione pare in gran forma, il resto dell’edificio sembra invece rassegnato ad elemosinare un aiuto che difficilmente arriverà. Ed è un peccato, perché questa vecchia chiesa – oggi così bistrattata – doveva in passato godere di grande considerazione se è vero che per la sua realizzazione sono state utilizzate pietre d’arenaria perfettamente riquadrate, alcune lavorate pazientemente a incidere pattern geometrici a forza di scalpello. Operazioni, queste, riservate in epoca medievale a costruzioni d’una certa importanza e notorietà.

Piuttosto curiosi sono anche alcuni conci di reimpiego che si mostrano sulla parete destra, conci a cui mani ormai dimenticate hanno dato la forma ora di visi umani e ora di musi animali e che secondo lo studioso Marco Renzi sarebbero protuberanze rapportabili al culto della lattazione, una forma di credenza a metà tra il fare cristiano e quello pagano, tipico delle culture agro-pastorali del nostro Appennino almeno fino alla metà del secolo scorso.

E allora è bello chiudere gli occhi per un attimo e immaginare il castello di Campo pieno di vita come un tempo, con le genti che al ritorno dal lavoro nei campi cercavano protezione tanto nei riti della tradizione quanto nel calore di casa e nelle solide mura che fino a non molto tempo addietro abbracciavano l’abitato.

Alcune protuberanze litiche presso la chiesa di Campo.
Le pietre lavorate e i conci “speciali” che si mostrano nella parete di destra della Chiesa di San Pietro, simboli il cui denso significato risulta di generazione in generazione sempre meno leggibile.

Qualcosa sulla storia del castello di Campo di Belforte

Campo di Belforte, anticamente conosciuto come Campli, divenne cosa dei conti di Piagnano nel 1377 per volere di Papa Gregorio IX. A distanza di mezzo secolo questi conti, tali Oliva, si trovarono per motivi di convenienza alleati ai Malatesta di Rimini, e ciò valse al castello di Campo un assedio ad opera degli urbinati nell’anno 1439.

Questo assedio fu forse per Campo di Belforte il momento storico più rilevante, ma – come riportato dalle vecchie cronache e come ricorda il professor Daniele Sacco – valse al paesino anche l’appellativo di “Castello ignobile”, perché proprio nelle feroci operazioni militari di cui parliamo un giovanissimo Federico da Montefeltro (allora diciassettenne) trovò il suo battesimo del fuoco, venne cioè ferito assai gravemente.

Uno scorcio che rende piuttosto bene l’idea di cos’è il castello di Campo oggi: a fianco case ordinate e recentemente ristrutturate persistono coperture in lamiera, pareti prese di mira dalla vegetazione e una verde moquette toglie il da fare ad un possibile acciottolato.

Bibliografia su Campo di Belforte

  • D. Sacco – Tra Massa e Montefeltro – Metauro, 2006
  • M. Renzi – Il Rospo d’Oro – Editoriale Delfi, 1998

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

CONTENUTI ilfederico.com non è una testata giornalistica dal momento che gli aggiornamenti non seguono alcuna cadenza fissa. Pertanto, ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001, non può in alcun modo considerarsi un prodotto editoriale. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti dei singoli articoli. I responsabili di ilfederico.com, secondo il loro insindacabile giudizio, si riservano il diritto di eliminare tutti quegli interventi apportati dagli utenti ritenuti offensivi, razzisti o non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Le informazioni contenute in questo blog potrebbero contenere inesattezze, ancorché commesse senza intenzionalità. Gli autori del sito non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo. TRATTAMENTO DATI PERSONALI Ai sensi del Dlgs. 196/2003, recante “Codice in materia di protezione dei dati personali”, il trattamento dei dati personali sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della riservatezza e dei diritti. Ai sensi dell’articolo 13 del predetto Decreto, informiamo che: a) Il trattamento dei dati viene effettuato nel rispetto dei limiti e delle condizioni previste dalla legge, con le seguenti modalità: strumenti automatizzati, inclusi quelli elettronici e telematici. b) Il conferimento dei dati ha natura facoltativa. c) La mancata disponibilità totale o parziale dei dati può comportare l’impossibilità a perseguire la predetta finalità. d) Soggetti e categorie di soggetti ai quali i dati potranno essere comunicati e ambito di diffusione dei dati. I dati di cui sopra, nel rispetto delle finalità sopra indicate, verranno comunicati ai soggetti di seguito indicati: soggetti pubblici e privati per gli adempimenti previsti da ogni norma di legge o da disposizioni contrattuali. I dati non sono oggetto di diffusione. In ogni momento potrai esercitare i tuoi diritti nei confronti dei titolari del trattamento, ai sensi dell’articolo 8 D.Lgs. 196/2003. Restano salvi i diritti di cui all’articolo 7 del Dlgs. 196/2003. e) Titolarità del trattamento e richiesta informazioni ◾I Titolari del trattamento sono Gaetano Tripolone – Via Calzoppo 22/a 61026 Piandimeleto PU tel 0722 710007 – e Marco Toccacieli – Viale Trento 269, 61121 Pesaro f) Responsabili del trattamento ◾I Titolari del trattamento sono Gaetano Tripolone – Via Calzoppo 22/a 61026 Piandimeleto PU tel 0722 710007 – e Marco Toccacieli – Viale Trento 269, 61121 Pesaro INFORMATIVA E GESTIONE DEI COOKIES Cosa sono i cookies? I cookies sono files di testo che i siti visitati dall’utente inviano al terminale dello stesso– computer, smartphone e così via – dove vengono archiviati e poi ritrasmessi agli stessi siti in occasione della successiva visita del medesimo utente. Navigando su ilfederico.com, potrai ricevere solo cookies inviati direttamente dal nostro sito. A – Cookies utilizzati dal presente sito web I cookies vengono utilizzati con strumenti elettronici e ogni tipologia ha una sua funzione specifica. I cookies tecnici vengono utilizzati senza necessità di consenso da parte dell’utente, ma possono essere disabilitati (vedi in seguito). In ogni momento, a norma del d. lgs. 196/03, l’utente – potrà ottenere, previa richiesta inviata all’indirizzo email info(chiocciola)ilfederico.com, la conferma dell’esistenza del trattamento dei dati in questione e delle finalità dello stesso, l’indicazione dell’origine dei dati, l’indicazione della logica applicata al trattamento, l’indicazione di tutti gli elementi sopra elencati, nonché: l’aggiornamento, la rettifica, l’integrazione dei dati; la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge. Su questo sito non vengono utilizzati cookie di profilazione. Per maggiori informazioni sui cookies si veda questa pagina: https://it.wikipedia.org/wiki/Cookie B – Cookies tecnici I cookies tecnici vengono utilizzati senza necessità di consenso da parte dell’utente, ma possono essere disabilitati. Questi cookies sono volti a mantenere un buon funzionamento della navigazione o ad incrementare le funzionalità o le prestazioni del sito. Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori. C – Puoi gestire le tue preferenze sui cookies anche tramite browser Ogni browser contiene una pagina di gestione dei cookies che potrai modificare come meglio credi.

Chiudi