Monte Gherardo di Cagli

Si fatica a crederlo, ma Monte Gherardo esiste. Minore tra i centri minori di Cagli (PU), questo borghetto è davvero restio nel parlare di sé. Così restio che poco si sa circa la sua storia ormai quasi millenaria. E tra le poche informazioni pervenute, le più degne di nota sono che venne costruito per meglio difendere l’odierno capoluogo comunale dalla vicina Pergola e che fu distrutto per la prima volta dalle unite forze dei Montefeltro e dei Brancaleoni di Rocca Leonella nel 1318.

Monte Gherardo sul suo colle. Panorama sullo sfondo.
Monte Gherardo appollaiato sul suo bel colle a 511 metri slm.

Lontano da tutto e tutti, Monte Gherardo oggigiorno si fa trovare solo da coloro che hanno la pazienza di lasciare sobbalzare l’automobile lungo parecchi chilometri di strade polverose e prive d’asfalto. Una sorta di rito d’iniziazione che precede il meraviglioso conoscere, un rito interrotto d’un tratto dal manifestarsi d’una grande e bella quercia. Ai piedi del robusto albero, come coccolati dall’ombra dello stesso, paiono trovare conforto una sacra edicoletta e un lavatoio, minute costruzioni che confidano al forestiero che dopotutto l’uomo è riuscito ad arrivare anche qua e lo avvisano dell’imminente incontro col paesello (non lontano c’è anche una delle cosiddette “Pietre della Memoria”).

Passeggiando tra le case.

E in effetti eccolo, Monte Gherardo, eccolo sbucare fuori apparentemente dal nulla e in tutte le sue peculiarità. Un paese cresciuto come per divenire affronto alla moderna architettura, con le case in pietra mai simili tra loro, ora strette e alte, ora larghe e basse. Abitazioni addossate le une alle altre che paiono poter cadere faccia all’avanti in ogni momento sull’unica stradicciola che fende l’abitato. E tutto ciò in barba al grande spazio vuoto d’abitazioni che si stende lui attorno, in un’insolita scelta costruttiva che pare il puntiglio d’un pasticcere abilissimo e mezzo matto, risoluto nell’avvolgere il suo cioccolatino migliore non già nella solita carta, bensì per mezzo d’un lenzuolo.

Questo bel portale racconta d’un palazzo d’un certo pregio, sicuramente il più “nobile” tra quelli presenti in paese. Nella decorazione sommitale alcuni vedono una testa di leone, altri il volto di un uomo barbuto e altri ancora un demone con gli occhi a spirale.

Monte Gherardo di Cagli risulta come sospeso tra tre epoche storiche differenti: il medioevo, il dopoguerra e l’oggi. Per il medioevo parlano com’è ovvio le pietre stesse del borgo; del dopoguerra sono testimoni i forni ancora anneriti per la cottura comune di vecchi pani e i numerosi oggetti agricoli, spesso prodotti fino agli anni ’70, che gli odierni residenti hanno rinvenuto abbandonati in ogni dove come per una fuga improvvisa degli antichi proprietari, una fuga che portava dritti dritti nelle industrie delle grandi città.

Uno dei forni presenti nel borgo, ancora in uno stato di conservazione relativamente buono.

E a dire il presente? A dire il presente c’è un’automobile parcheggiata, le antenne sui tetti, un ombrellone in plastica e un telefonino che squilla da dietro una finestra. Poca cosa? Affatto, un borgo abbandonato, piano piano, attacca di nuovo a sentire lo scorrere di qualche rivolo di vita per la sua unica, fino ieri silenziosa, via.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

CONTENUTI ilfederico.com non è una testata giornalistica dal momento che gli aggiornamenti non seguono alcuna cadenza fissa. Pertanto, ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001, non può in alcun modo considerarsi un prodotto editoriale. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti dei singoli articoli. I responsabili di ilfederico.com, secondo il loro insindacabile giudizio, si riservano il diritto di eliminare tutti quegli interventi apportati dagli utenti ritenuti offensivi, razzisti o non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Le informazioni contenute in questo blog potrebbero contenere inesattezze, ancorché commesse senza intenzionalità. Gli autori del sito non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo. TRATTAMENTO DATI PERSONALI Ai sensi del Dlgs. 196/2003, recante “Codice in materia di protezione dei dati personali”, il trattamento dei dati personali sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della riservatezza e dei diritti. Ai sensi dell’articolo 13 del predetto Decreto, informiamo che: a) Il trattamento dei dati viene effettuato nel rispetto dei limiti e delle condizioni previste dalla legge, con le seguenti modalità: strumenti automatizzati, inclusi quelli elettronici e telematici. b) Il conferimento dei dati ha natura facoltativa. c) La mancata disponibilità totale o parziale dei dati può comportare l’impossibilità a perseguire la predetta finalità. d) Soggetti e categorie di soggetti ai quali i dati potranno essere comunicati e ambito di diffusione dei dati. I dati di cui sopra, nel rispetto delle finalità sopra indicate, verranno comunicati ai soggetti di seguito indicati: soggetti pubblici e privati per gli adempimenti previsti da ogni norma di legge o da disposizioni contrattuali. I dati non sono oggetto di diffusione. In ogni momento potrai esercitare i tuoi diritti nei confronti dei titolari del trattamento, ai sensi dell’articolo 8 D.Lgs. 196/2003. Restano salvi i diritti di cui all’articolo 7 del Dlgs. 196/2003. e) Titolarità del trattamento e richiesta informazioni ◾I Titolari del trattamento sono Gaetano Tripolone – Via Calzoppo 22/a 61026 Piandimeleto PU tel 0722 710007 – e Marco Toccacieli – Viale Trento 269, 61121 Pesaro f) Responsabili del trattamento ◾I Titolari del trattamento sono Gaetano Tripolone – Via Calzoppo 22/a 61026 Piandimeleto PU tel 0722 710007 – e Marco Toccacieli – Viale Trento 269, 61121 Pesaro INFORMATIVA E GESTIONE DEI COOKIES Cosa sono i cookies? I cookies sono files di testo che i siti visitati dall’utente inviano al terminale dello stesso– computer, smartphone e così via – dove vengono archiviati e poi ritrasmessi agli stessi siti in occasione della successiva visita del medesimo utente. Navigando su ilfederico.com, potrai ricevere solo cookies inviati direttamente dal nostro sito. A – Cookies utilizzati dal presente sito web I cookies vengono utilizzati con strumenti elettronici e ogni tipologia ha una sua funzione specifica. I cookies tecnici vengono utilizzati senza necessità di consenso da parte dell’utente, ma possono essere disabilitati (vedi in seguito). In ogni momento, a norma del d. lgs. 196/03, l’utente – potrà ottenere, previa richiesta inviata all’indirizzo email info(chiocciola)ilfederico.com, la conferma dell’esistenza del trattamento dei dati in questione e delle finalità dello stesso, l’indicazione dell’origine dei dati, l’indicazione della logica applicata al trattamento, l’indicazione di tutti gli elementi sopra elencati, nonché: l’aggiornamento, la rettifica, l’integrazione dei dati; la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge. Su questo sito non vengono utilizzati cookie di profilazione. Per maggiori informazioni sui cookies si veda questa pagina: https://it.wikipedia.org/wiki/Cookie B – Cookies tecnici I cookies tecnici vengono utilizzati senza necessità di consenso da parte dell’utente, ma possono essere disabilitati. Questi cookies sono volti a mantenere un buon funzionamento della navigazione o ad incrementare le funzionalità o le prestazioni del sito. Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori. C – Puoi gestire le tue preferenze sui cookies anche tramite browser Ogni browser contiene una pagina di gestione dei cookies che potrai modificare come meglio credi.

Chiudi